Elezioni regionali: ufficiale la candidatura dell'ex sindaco di Cortona Andrea Vignini: "Pronto a tornare in campo"

L'ex primo cittadino sarà il capolista per Arezzo di "Sinistra Civica Ecologista" a sostegno della candidatura a presidente della Toscana di Eugenio Giani

L'ex sindaco di Cortona Andrea Vignini ha sciolto le riserve e annuncia la sua candidatura alle prossime elezioni regionali come capolista di Arezzo di "Sinistra Civica Ecologista" a sostegno della candidatura a presidente della Toscana di Eugenio Giani.

"Sono stati giorni di riflessione, di telefonate e di incontri, tutti diversi nei toni e nelle modalità, ma unanimi nei contenuti. Amici ed amiche, compagne e compagni, sia recenti che di vecchia data, mi hanno sospinto e incoraggiato a tornare in campo e a mettermi di nuovo alla prova. Sono consapevole che si tratterà di una missione difficilissima, anzi quasi impossibile. Ma ho sempre creduto che sia troppo facile metterci la faccia solo quando si è certi della vittoria. La politica, per come la intendo io, si sostanzia soprattutto nel coraggio di testimoniare le proprie idee e solo dopo, molto dopo, può eventualmente diventare rappresentanza istituzionale".

Vignini ha già manifestato l'intenzione di portare al centro del dibattito elettorali i seguenti temi:

  • Il lavoro innanzitutto, soprattutto quello che manca, che è precario, senza garanzie e senza diritti. In una Provincia come quella di Arezzo, in cui i negozi e le imprese, anche quelle che hanno fatto la storia del nostro territorio, sono sempre in maggiore difficoltà e spesso chiudono i battenti e in cui gli iscritti alle liste di collocamento superano ormai le 50.000 unità, questo deve essere per forza di cose il primo problema da affrontare. Specialmente per chi si dichiara di sinistra.
  • La sanità, con un impegno forte a rivedere la recente riforma, rimettendo al centro i territori e l'integrazione socio-sanitaria. Una sanità pubblica che non abdichi alla sua funzione essenziale a vantaggio del settore privato, che riduca gli insopportabili tempi di attesa, che abbatta la burocrazia e garantisca un accesso alle cure rapido e concreto per tutti i cittadini.
  • La cultura, intesa nella sua accezione più ampia. Non solo musei, biblioteche, cinema e teatri della cui importanza culturale appunto, ma anche sociale ed economica, si spera proprio che nessuno osi più dubitare, ma anche i prodotti tipici, le tradizioni e il folklore, senza dimenticare poi le nuove frontiere della cultura digitale rispetto alla quale l’Italia in genere e anche la nostra regione scontano un’impressionante divario che deve assolutamente essere colmato.

"Su tutto questo e su molto altro ancora avrò piacere di confrontarmi con gli avversari politici e soprattutto con gli elettori durante questa strana campagna elettorale all’epoca del covid-19 che già si preannuncia alquanto complicata e il cui risultato, come attestano anche gli ultimi sondaggi, non appare affatto scontato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento