5 Stelle a caccia di assessori: "Inviateci il curriculum vitae". In lista per Arezzo c'è Carlo Baglioni

Parte la campagna di raccolta dei curriculum di chi si vuole candidare per un posto da assessore nella giunta ipotetica del Movimento Cinque Stelle se Michele Menchetti fosse eletto sindaco

Alcune figure possono essere individuate tra gli attivisti, ma altri componenti della giunta saranno valutati tra i curriculum vitae di chi vorrà candidarsi al ruolo di assessore. Così il Movimento Cinque stelle di Arezzo mette le mani avanti e si organizza per comporre una giunta che potrebbe governare la città nel caso in cui la disputa tra i sette candidati a sindaco fosse vinta da Michele Menchetti.

I rappresentanti locali del Movimento sono al lavoro su temi e organizzazione in vista delle elezioni comunali del 20 e 21 settembre prossimi. 

"Sebbene alcune figure possano essere individuabili all’interno del gruppo locale degli attivisti, è nostra intenzione coinvolgere gli Aretini nella vita politica della nostra città, mettendosi in prima fila, ognuno secondo le proprie peculiarità. Sarà nostra priorità valorizzare la competenza, la meritocrazia, la professionalità in base al suddetto cv ed in seguito a uno o più colloqui con gli interessati. Indispensabile è l’autorizzazione al trattamento dei dati, messo per iscritto in fondo al proprio cv."

"Tutti i cittadini interessati all'autocandidatura per una eventuale giunta a 5 Stelle possono inviarci il proprio curriculum vitae all'indirizzo email movimento5stellearezzo@gmail.com, oppure a consegnarlo di persona presso il nostro punto elettorale in viale Cittadini n. 7."

Carlo Baglioni-3Intanto si fanno conoscere alcuni di coloro che sono stati inseriti nella lista per la carica di consigliere comunale. Ormai da mesi il gruppo è pronto e validato dagli organi nazionali del partito attraverso la piattaforma Rousseau. Tra i pretendenti c'è anche Carlo Baglioni, "docente di scuola primaria, esperto nei processi di formazione e consulente di docenti presso un'associazione di categoria. Aretino, sposato, con due figli. Da sempre sostenitore di iniziative di volontariato e solidarietà finalizzate alla promozione delle fasce più deboli della popolazione. Tra queste, negli ultimi anni si è occupato anche della sensibilizzazione della cittadinanza sul tema della prevenzione del gioco d'azzardo patologico." Dopo aver conosciuto il candidato sindaco Michele Menchetti ha dato il suo contributo al programma e ha accettato la proposta di mettere le sue competenze al servizio della città. Formazione, lotta al gioco d'azzardo patologico attraverso la prevenzione, lotta alla diffusione preoccupante delle droghe anche tra i giovani sono alcuni dei temi a lui più cari: "Sicurezza e politiche di accoglienza e promozione sociale sono due cose necessariamente complementari: Non può esserci vera sicurezza in una città in cui non si compia una lungimirante opera di formazione e sensibilizzazione delle nuove generazioni alla prevenzione delle dipendenze, unitamente ad opere di reale integrazione nel tessuto sociale delle frange più deboli della popolazione e ad un progetto di promozione delle periferie urbane ed esistenziali."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento