Politica

Agnolucci si unisce al grido di Ralli: "Carenze sotto gli occhi di tutti, città sia unita in difesa della sanità"

Il dottor Angiolo Agnolucci si unisce all'appello emesso nei giorni scorsi dal collega Luciano Ralli. Agnolucci, dirigente medico dell'endoscopia digestiva interventistica, condivide e rilancia la posizione espressa da Ralli in difesa della sanità...

Il dottor Angiolo Agnolucci si unisce all'appello emesso nei giorni scorsi dal collega Luciano Ralli. Agnolucci, dirigente medico dell'endoscopia digestiva interventistica, condivide e rilancia la posizione espressa da Ralli in difesa della sanità pubblica aretina, non condivide le parole del direttore della Asl Toscana Sud Est Enrico Desideri e lancia un appello diretto a tutte le componenti della società aretina, perché il dibattito si allarghi e si trovino delle soluzioni.

Ecco la lettera completa di Agnolucci:

"Ho letto con rammarico la discussione tra il dott. Luciano Ralli e il direttore Desideri. Quanto sottolineato da Luciano è visibile a tutti gli operatori sanitari che giornalmente cercano di svolgere al meglio i propri compiti, nell'interesse del cittadino, e che si trovano invece di fronte a ostacoli di tipo burocratico-amministrativo. Infatti, è quanto mai cristallino il progressivo scollamento tra l'amministrazione e le esigenze epidemiologico-sanitarie della nostra popolazione con progressivo allontanamento delle figure dirigenziali dalle problematiche locali. Luciano Ralli è un professionista serio e stimato dai colleghi e dai pazienti e per di più un amministratore capace. Il suo intervento sulle carenze del servizio sanitario dimostra semmai, a differenza di quanto sostenuto dal Direttore Desideri, un attaccamento alla propria professione e la volontà di fare luce su tematiche importanti per il futuro dell'azienda e della sanità. Credo infatti che i progressi non si ottengano attraverso l'insabbiamento del dibattito, bensì attraverso la sua apertura. Per questo la città non può e non deve lasciare solo Luciano Ralli nella denuncia delle carenze e nella proposta di miglioramenti nell'assistenza al paziente, che deve rappresentare sempre il fine ultimo del servizio pubblico. Mi rivolgo ai colleghi, alle Istituzioni, ai professionisti, ai pazienti e alla città tutta. Non lasciamo che la sanità sia esercitata solo ai piani burocratici. La gestione della sanità deve essere pensata dai professionisti e non solo dagli amministratori. Chiedo un'ampia diffusione per aprire un dibattito serio.

Nei giorni scorsi proprio per primo Ralli aveva denunciato una serie di aspetti che stanno peggiorando in sanità a partire dalle liste d'attesa, ma non solo. A quelle dichiarazioni erano seguite quelle di Desideri che aveva accusato Ralli di non essere più appassionato del suo lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agnolucci si unisce al grido di Ralli: "Carenze sotto gli occhi di tutti, città sia unita in difesa della sanità"

ArezzoNotizie è in caricamento