Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

Le donne Dem: "Femminicidio ad Arezzo, indignate per la gestione dei servizi sociali del Comune"

Nota stampa della segreteria provinciale: "Le assessore Tanti e Carlettini cosa stanno facendo in concreto contro la violenza di genere?"

Comunicato stampa della segreteria provinciale Conferenza donne Dem di Arezzo. 

"Anche ad Arezzo, nonostante i proclami di buona ed efficiente amministrazione, fatti solo e soltanto da chi dovrebbe davvero preoccuparsi di fare politiche rispettose e rispondenti ai bisogni della città, si consumano vite nella solitudine e nell'abbandono.

Una donna afflitta da Alzheimer è stata uccisa dal marito. Sicuramente un femminicidio che però si è realizzato in un appartamento in completa solitudine. Una storia di disagio sociale di cui l'amministrazione non si è sicuramente presa carico come invece la situazione avrebbe richiesto. Le donne della conferenza delle donne democratiche di Arezzo, oltre ad essere dispiaciute per l'accaduto sono indignate per come l'amministrazione Ghinelli gestisce, o meglio non gestisce, i servizi sociali e non si preoccupa dell'integrazione con quelli sanitari.

In una situazione generale di povertà economica e sociale le persone e le famiglie sono lasciate da sole e abbandonate a trovare soluzioni ai problemi di conciliazione, di ricerca di servizi e risposte ai tanti bisogni di salute. Questo non sta sempre a significare che le persone sono malate, ma che per evitare di ammalarsi è necessario avere preventivamente servizi adeguati, compresi l'ascolto e la possibilità di condividere con i professionisti i problemi che li affliggono.

Chiediamo all'assessora Lucia Tanti cosa pensa di aver risolto, o dove vuole arrivare e a fare cosa, con la Fondazione, e nel frattempo che fine hanno fatto i servizi comunali.

All'assessora Giovanna Carlettini per le pari opportunità, chiediamo quale è il suo impegno per le politiche di prevenzione e per i servizi di supporto per tutto ciò che riguarda le violenze di genere.

A questo proposito il comune non ha il compito, o meglio non solo il compito, di promuovere eventi culturali/ludici nei giorni intorno all'8 marzo o al 25 novembre, ma considerato che il sindaco è responsabile della salute dei cittadini e delle cittadine residenti nel suo comune deve attivare politiche, mettere risorse e partecipare in ogni modo previsto alla rete provinciale a contrasto della violenza di genere.

La conferenza delle donne di Arezzo è impegnata a monitorare il modo in cui il comune porta avanti le politiche per le donne.

Ci faremo carico di tenere informata l'intera cittadinanza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le donne Dem: "Femminicidio ad Arezzo, indignate per la gestione dei servizi sociali del Comune"
ArezzoNotizie è in caricamento