Dini, Romani e Macrì (FDL-AN-Alleanza per Arezzo): "Il caos in Casentino è una degenerazione Pd"

Federico Dini , Cristiano Romani e Francesco Macrì, a nome di Fratelli d’Italia AN- Alleanza per Arezzo vanno all’attacco sulla vicenda di ieri accaduta nell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, secondo le dichiarazioni ufficiali rilasciate in...

Federico Dini , Cristiano Romani e Francesco Macrì, a nome di Fratelli d’Italia AN- Alleanza per Arezzo vanno all’attacco sulla vicenda di ieri accaduta nell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, secondo le dichiarazioni ufficiali rilasciate in una nota stampa per i tre esponenti politici si tratta di "una degenerazione nata dall’annoso malgoverno PD tanto dell’ex Comunità Montana quanto delle singole istituzioni locali del comprensorio. Il Casentino da ieri è messo dinanzi all’estrema conseguenza cui va incontro la gestione della cosa pubblica se essa è lasciata al monopolio di un partito come il PD. Dopo quanto è avvenuto in seno al governo dell’Ente sovracomunale, d’ora innanzi e più di prima, ogni prospettiva è affidata al senso di responsabilità istituzionale incarnato dalla nostra opposizione in seno all’Unione dei Comuni Montani del Casentino. Secondo Dini, Romani e Macrì c'è stata una “penosa reazione dei maggiorenti del Partito Democratico spiazzati dall’azione intrapresa da Paolo Agostini - ora ex Presidente sfiduciato in favore del fedele Tellini - il quale stufo del “carrozzone” creato dal suo ex partito si è assunto in prima persona l’onere di dire basta agli sprechi, con un atto di forza che per quanto sia stato istituzionalmente sopra le righe, è un atto che qualifichiamo giusto e motivato, essendo dalla parte dell’interesse generale e non di una nicchia di interessi” e si soffermano su quanto di più negativo questa vicenda proietta sull’opinione pubblica, come immagine delle Istituzioni e della Politica."

“L’opinione pubblica aretina, non limitatamente ai Casentinesi – sottolineano Macrì Dini e Romani – è comprensibilmente sbigottita di sapere che in un piccolo Ente sovracomunale ammonta alla bellezza di 1 milione all’anno l’importo a carico dei contribuenti per 9 stipendi di altrettanti dipendenti, beneficiari di buste paga che definire d’oro appare quasi tragicomico in tempi come questi di riduzione drastica dei costi degli Enti territoriali. E’ comprensibile l’indignazione generale che suscita una vicenda come quella esplosa in seno all’ex Comunità Montana del Casentino da sempre monopolio targato PD. Mentre grazie a Renzi in tutta la Toscana centinaia su centinaia di dirigenti e impiegati pubblici delle Province sono nell’incertezza di essere ricollocati in una continuità occupazionale messa a rischio dalla soppressione di questi Enti intermedi e mentre in tutta Italia il lavoro dipendente, in particolare giovanile, è sempre di più tra l’incudine del job act e il martello delle coop, nell’Aretino, ex feudo della ministra Boschi, in un singolo ente montano si erogano buste paga da Mille e una notte. E’ scandaloso!”.

FDI-Alleanza per Arezzo replica anche a chi, come la vicepresidente della Provincia di Arezzo “esterna l’indignazione tipica della casta ogni qual volta c’è qualcuno, come Paolo Agostini, che decide di rompere gli schemi” e sollecita “la maggioranza, che adesso ha nel fido Tellini il Presidente, a non fare orecchie da mercante dinanzi alla necessità indispensabile di porre in essere un processo di riorganizzazione dell’Ente che rappresenta la priorità condivisa innanzitutto dal personale dipendente dell’Ente stesso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Come opposizione –conclude la nota a firma di Dini Macrì Romani, – vigileremo affinché ciò avvenga sin da subito e non indietreggeremo di un passo dal porre in prima istanza l’interesse generale e quello dei lavoratori della ex Comunità Montana, in maggioranza dipendenti abbandonati sia dai loro dirigenti dagli stipendi d’oro sia dalla politica PD”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento