Politica

De Robertis: "Lavori pubblici, la Regione viene incontro alle difficoltà della giunta Ghinelli"

Novità per la realizzazione di progetti inseriti nell’accordo di programma “Progetto di rinnovamento e riqualificazione del territorio aretino”, sottoscritto nel 2014 tra Regione Toscana, Provincia di Arezzo, Comune di Arezzo e “Arezzo Innovazione”. L'intervento della consigliera regionale e del segretario comunale del Pd Caneschi

Lucia De Robertis

Arezzo, De Robertis e Caneschi (Pd): “Nuovo sostegno della Regione all’accordo di programma per il territorio aretino. Il Comune spieghi difficoltà e modalità di utilizzo delle nuove risorse”.

La nota congiunta De Robertis e Caneschi

Dalla Regione arrivano novità per la realizzazione di progetti inseriti nell’accordo di programma “Progetto di rinnovamento e riqualificazione del territorio aretino”, sottoscritto nel 2014 tra Regione Toscana, Provincia di Arezzo, Comune di Arezzo e “Arezzo Innovazione”. “Martedi – fa sapere la presidente della Commissione Territorio e Ambiente del Consiglio regionale, Lucia De Robertis – la Regione ha autorizzato il riutilizzo nell’ambito dell’accordo stesso delle economie prodotte dalla conclusione del progetto della Provincia denominato ‘Innovation Buliding’, accogliendo le valutazioni del Collegio di Vigilanza. Secondo cui il legittimo rientro nella disponibilità della Regione dei ribassi d’asta realizzati metterebbe però in gravi difficoltà il Comune di Arezzo”.
“Il riutilizzo delle economie – aggiunge De Robertis – è un caso eccezionale, previsto dalle linee di indirizzo sul sostegno alle infrastrutture per le imprese, ma vincolato alla realizzazione di interventi che non siano stati deliberati e affidati successivamente alla conclusione dei lavori già finanziati. La Regione ha deciso di assegnare tutti i ribassi d’asta alla conclusione dei progetti dell’accordo, confermando ancora una volta l’interesse per questo pacchetto di interventi strategici per il territorio aretino e la disponibilità verso le difficoltà, non le prime, manifestate dalle amministrazioni Ghinelli”. L’accordo di programma, oltre all’intervento concluso, prevede i seguenti progetti: Orto creativo (già ‘Polo Digitale’), Studium Aretino (già ‘Polo tecnologico del restauro’), viabilità nuovo scalo merci di Indicatore, PoliLab. Su un valore degli investimenti ammessi pari a 7,2 milioni di euro, 4,1 milioni sono di contributo regionale. “Non proprio matrigna, questa Regione, per il comune di Arezzo”, aggiunge la presidente della quarta commissione di Palazzo del Pegaso. “L’autorizzazione all’utilizzo fino al cento per cento delle economie – aggiunge il segretario comunale del Pd di Arezzo e consigliere a Palazzo Cavallo, Alessandro Caneschi – impone, però, che gli specifici interventi realizzati o da realizzare mediante riutilizzo delle economie da ribassi d’asta, per essere autorizzati, siano comunque sottoposti alla valutazione tecnica di ammissibilità. Credo che il sindaco abbia il dovere di informare quanto prima il Consiglio comunale su questa nuova disponibilità offerta dalla Regione, chiarendo anche cause ed entità delle difficoltà rilevate dal Collegio di Vigilanza dell’accordo. Che è troppo importante perché eventuali tentennamenti di questa amministrazione possano pregiudicarne la piena realizzazione.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Robertis: "Lavori pubblici, la Regione viene incontro alle difficoltà della giunta Ghinelli"

ArezzoNotizie è in caricamento