menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Costretto ad andare di persona due volte al Cup per un appuntamento. Surreale in tempo di Covid"

La storia raccontata dal vice presidente del gruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati , Stefano Mugnai, dal parlamentare di Forza Italia, Felice Maurizio D'Ettore, e dalla consigliera comunale di Monte San Savino della Lista "RinasciMonte", Marcella Luzzi

Dichiarazioni del vice Presidente del Gruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati , Stefano Mugnai, del Parlamentare di Forza Italia, Felice Maurizio D'Ettore e della Consigliera Comunale di Monte San Savino della Lista "RinasciMonte", Marcella Luzzi.


"Da mesi ci invitano giustamente a rispettare le normative regionali e nazionali per proteggere la nostra salute dal Covid-19, tutti accettiamo le restrizioni della nostra libertà per ottenere la protezione dal virus, e poi invece si scoprono, come oggi, dei casi di non corretta gestione della sanità pubblica in Toscana. Vicende che appaiono in totale contraddizione con quanto lo Stato ci impone. E' il caso di quanto sta accadendo nel comune di Monte San Savino (Arezzo), dove grazie ad una testimonianza diretta siamo venuti a conoscenza di quali siano le difficoltà ed i rischi per i familiari di un paziente che intendono ottenere una semplice assistenza domiciliare per un prelievo. Ebbene ad oggi non è possibile, come ogni cittadino può fare altrove in Italia, mandare una mail per prenotarsi al Cup ma invece occorre fare tutta una trafila burocratica ingiustificata. Bisogna, infatti, prima andare direttamente al distretto stesso per chiedere un appuntamento, arrivati lì verrà dato su carta l'appuntamento, per poi recarsi successivamente, sempre di persona, al Cup per definire la prenotazione ufficialmente e ottenere finalmente il servizio sanitario richiesto. La vicenda che raccontiamo appare veramente surreale, perchè in un momento come questo, ad alto rischio contagi, con la nostra Regione in zona rossa, è inaccettabile ed ingiustificato imporre ai cittadini di recarsi in diversi uffici ed altrettante sale d'attesa (stracolme di gente) con tutti i rischi di contagio che ne derivano. Secondo quale logica si assumono queste decisioni e procedure ? Non è normale né ammissibile tutto questo. Siamo davanti ad un pressappochismo evidente per le procedure adottate nella gestione sanitaria attuale. La Regione Toscana pensa così di proteggere veramente i cittadini ? Chiediamo che subito si consenta la prenotazione on line, visto che in queste settimane tutto viene già fatto tramite piattaforme via web. Sarebbe assurdo negarlo. Sarebbe uno schiaffo alla lotta contro il Covid-19".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    I fiocchi di Carnevale

  • Attualità

    100 candeline per nonna Rosa

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento