menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid negli asintomatici, Ceccarelli: "Serve uno screening diffuso con tamponi rapidi"

La proposta arriva dal capogruppo Pd in consiglio regionale che auspica in tempi rapidi un'azione di questo tipo in attesa degli effetti della campagna di vaccinazione anti-covid

"Per arginare ulteriormente la diffusione del virus, in attesa che la vaccinazione diventi davvero di massa è produca i suoi effetti, si deve procedere speditamente ad un'azione di screening su larga scala, soprattutto rivolta alle categorie più esposte, che permetta di isolare i positivi asintomatici", lo dice Vincenzo Ceccarelli, Capogruppo Pd in Consiglio regionale e membro della commissione sanità, intervenendo durante il Forum Risk Obiettivo Sanità e Salute dove ha coordinato i lavori di due tavole rotonde dedicate al contrasto al covid, alle prospettive del sistema sanitario e al ruolo dei professionisti della sanità.

"I tamponi oggi sono prescritti da medici e pediatri alle persone che presentano sintomi. Poi grazie ad un efficace azione di tracciamento messa in campo dalla Regione vengono monitorati i contatti. Io credo che per un contrasto ancora piu efficace alla diffusione del covid - spiega  Ceccarelli - occorra agire sulla prevenzione del contagio attraverso uno screening diffuso che individui e isoli i soggetti asintomatici che spesso, involontariamente, sono i principali diffusori del virus. Questa operazione è da realizzare attraverso l'individuazione delle categorie più fragili per poi strutturare un percorso organizzato per lo screening con test antigenici rapidi"


"Mi auguro che si possa concretizzare in tempi rapidi - conclude Ceccarelli - Sarà un passaggio cruciale per garantire maggiore sicurezza collettiva nei prossimi mesi, in attesa che la vaccinazione produca gli effetti che tutti ci attendiamo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento