La retta di marzo delle scuole municipali non si pagherà. Rinviate le iscrizioni per i nidi

Lucia Tanti: “ora le parole d’ordine sono: sostenere le famiglie e facilitare la vita il più possibile. Contiamo sull’aiuto del Governo con il ‘bonus baby sitter’. Tutti insieme ce la faremo”

“Le famiglie i cui bambini sono iscritti alle scuole municipali non dovranno corrispondere la retta per tutto il mese di marzo e le iscrizioni ai nidi sono rinviate a metà aprile”.

Queste le misure adottate dall’assessore Lucia Tanti e già comunicate agli uffici competenti per gli atti consequenziali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In questo momento così difficile è nostro compito, oltre fare fronte alle emergenze di tipo sanitario e sociale che da esse discendono, trovare soluzioni che possano rendere la vita meno complicata alle famiglie aretine che già sono alle prese con le scuole chiuse e la città blindata. Per questa ragione abbiamo deciso di rinviare le iscrizioni ai nidi per le fasce medio-piccoli e medio-grandi: la nuova scadenza è metà aprile, ovviamente se la situazione emergenziale sarà almeno in parte rientrata. Inoltre, rette ‘congelate’ a marzo, dopo di che ragioneremo in base alla situazione che si verrà a presentare. E questo anche qualora il Governo dovesse sbloccare il ‘bonus baby sitter’, misura che speriamo venga presa il prima possibile come ulteriore fonte di sollievo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento