Politica

Coronavirus, Casucci: "Appoggio il sindaco di Badia Tedalda, servono tamponi diffusi subito"

Dopo i casi positivi del vicesindaco e del medico, il primo cittadino di Badia Tedalda ha lanciato un appello alla Regione per approfondire gli accertamenti

Marco Casucci, consigliere regionale della Lega, si schiera con il sindaco di Badia Tedalda che ha chiesto alla Regione di esguire tamponi in modo diffuso. 

"Appoggio il pressing che il sindaco di Badia Tedalda, Santucci, prosegue nei confronti dell’Asl Toscana sud est e del direttore D’Urso. I tamponi diffusi sono fondamentali in particolare per quelle comunità locali, come Badia e Sestino, particolarmente ristrette e dove si verificano tanti casi. Sarebbe una procedura per garantire la salute pubblica e per tranquillizzare il paese, l’intera comunità. A Badia, ma anche a Sestino, servirebbero almeno cento tamponi visti i contatti avuti dal medico di base e dall’operatrice della Misericordia risultati positivi al coronavirus. Non servono titubanze e tatticismi quando in ballo c’è la salute di oltre mille persone, il pensiero va soprattutto alle persone anziane e potenzialmente più esposte”  dice Casucci.

"Il focolaio tra Badia e Ponte Presale (Sestino) è ancora circoscritto a 3 chilometri di raggio ma si allargherà a macchia d’olio se non si interviene subito (in 2 giorni) con tamponi a tutti i sintomatici (febbricitanti) di Badia e Ponte Presale ed anche agli asintomatici di primo contatto con i positivi" dichiara il sindaco di Badia Tedalda Alberto Santucci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Casucci: "Appoggio il sindaco di Badia Tedalda, servono tamponi diffusi subito"

ArezzoNotizie è in caricamento