menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non c'è la pratica Lfi nel prossimo consiglio comunale. Un atto di giunta, interrogazioni e mozioni

All'ordine del giorno una comunicazione di Merelli, poi interrogazioni e atti d'indirizzo

Primo consiglio comunale dopo il licenziamento del Segretario Generale Franco Caridi. Si terrà giovedì prossimo 28 gennaio, sempre a distanza, con inizio alle 9,00 di mattina dopo che l'ufficio di presidenza è fissato per le 8,30.

All'ordine del giorno ci sono le interrogazioni, gli atti di indirizzo, una comunicazione dell'assessore al bilancio Alberto Merelli e null'altro. Nessun altro atto di giunta da presentare e votare e nemmeno la pratica Lfi che nell'ultima occasione venne ritirata dopo che consiglieri di opposizione, ma anche di maggioranza, si mostrarono non convinti di votare la modifica dello statuto che avrebbe aperto la strada ad una privatizzazione, ponendo le quote pubbliche al 40% senza poter avere così nessun controllo sull'azienda. L'atto proposto dall'assessore alle attività produttive Simone Chierici questa volta non è stato inserito. 
Il presidente del consiglio comunale Luca Stella ha inviato la convocazione ai consiglieri comunali e così è balzato agli occhi che oltre allo spazio importante delle interrogazioni, ci sarà un solo atto proveniente dalla giunta con l'assessore Merelli che farà una comunicazione sui prelevamenti dal fondo di riserva – anno 2020.

Poi spazio agli atti di indirizzo, che seppur importanti e focalizzati anche su temi di stretta attualità, non mostrano l'operatività della giunta. Ai lavori prenderà parte Cecilia Agostini con la funzione di Segretario Generale visto che era la vice di Caridi.

Mozioni e atti di indirizzo in votazione

Sono 16 gli atti di indirizzo che i consiglieri comunali di opposizione e di maggioranza hanno presentato e che attendono la votazione. Nove sono stati presentati da Marco Donati e Valentina Sileno di Scelgo Arezzo. Si va dalla richiesta della ricognizione dei seggi elettorali all'istituzione del numero verde per informazioni ed attività dell'Ente. Dalla ricognizione e manutenzione ponti ai progetti Utili alla Collettività. Poi la richiesta di azioni in materia di sicurezza e degrado e la creazione di un Polo Formativo, un altro atto è sugli eventi meteorologici e rischio idraulico, uno per il sostegno alla genitorialità. Ma forse il più corposo e attuale è quello sulla sanità, sul nuovo assetto e riorganizzazione della Asl Toscana sudest come supporto alle politiche sanitarie del territorio aretino.

Due sono gli atti di indirizzo presentati dal consigliere del Movimento Cinque Stelle Michele Menchetti: Percorso turistico alberi monumentali del Comune di Arezzo e l'atto sull'accessibilità universale. C'è poi la mozione su servizio di continuità assistenziale presentata da Jacopo Apa e Meri Stella Cornacchini. E quella che chiede verità per Giulio Regeni proposta dai capigruppo di minoranza. Altri tre atti di indirizzo arrivano da Meri Stella Cornacchini per avere panchine rosse contro il femminicidio per rilasciare targa commemorativa; Da Simon Pietro Palazzo e Mattia Delfini per l'intitolazione di una strada al personale sanitario e infine azioni concrete per Arezzo Green di Francesco Romizi e Donato Caporali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento