Politica

Consiglio comunale aperto a distanza? Romizi: "Per pagare auditorium propongo la rinuncia del gettone di presenza"

Ci sono posizioni diverse sul ritorno del consiglio comunale in presenza visto che i dati pandemici sono tornati a livelli molto bassi e la campagna vaccinale procede a buon ritmo. L'occasione del confronto aperto con l'assemblea in presenza con gli interventi dei cittadini

Francesco Romizi, immagine Arezzo Notizie

Riunione della capigruppo, ma non c'è unanimità sull'organizzazione del consiglio comunale aperto sui temi sociali ed economici del post pandemia. 

Nonostante ci fossero le condizioni per farlo in presenza, come quello d'insediamento all'auditorium comunale di via Spallanzani, si sta delineando una soluzione a metà: con i consiglieri comunali collegati da remoto e che si vedono e discutono attraverso la piattaforma Zoom e i cittadini che si sono iscritti in rappresentanza di associazioni e comitati, nella sala Montetini di Palazzo Cavallo che però ne potrà contenere, secondo le disposizioni vigenti, massimo 30. Ad oggi sono meno di 20 ma c'è tempo fino all'11 giugno, domani, per prenotare il proprio intervento. 

"Secondo quello che ci stanno prospettando l'auditorium ad Arezzo Fiere non si potrebbe utilizzare per motivi economici - spiega Francesco Romizi di Arezzo 2020 che sta partecipando alle riunioni - Servirebbero sui 2mila euro per allestire il cablaggio, l'impianto audio e video. Ho proposto per questo di rinunciare al gettone di presenza e alcuni consiglieri di opposizione avrebbero già accolto l'idea dichiarandosi favorevoli. Si tratta di 30 euro per 32 consiglieri e quindi metà del costo si potrebbe coprire così."

Per il momento non c'è nulla di deciso, ma la prospettiva è proprio quella di un consiglio comunale a distanza. Dovrebbe iniziare alle 8,30 la parte di presentazione dell'unica delibera prevista che riguarda gli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Dalle 9,30 via all'assise in forma aperta con gli interventi degli iscritti a parlare. 

"Resta il fatto che in questo momento un consiglio comunale aperto organizzato in questo modo non è auspicabile, i tempi sono maturi per tornare in presenza."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio comunale aperto a distanza? Romizi: "Per pagare auditorium propongo la rinuncia del gettone di presenza"

ArezzoNotizie è in caricamento