"Concorsi con falla", Marchetti all'attacco sulla maxi selezione in corso ad Arezzo. "Lesa la privacy"

Marchetti (FI): "Non c’è prova scritta che fili liscia, mostrati i dati personali. Le persone vanno assunte, ma la regolarità procedurale va saputa garantire"

Foto d'archivio

 "Con i concorsi regionali non c’è prova scritta che fili liscia. Dopo gli infermieri con i test fotografati, ora ecco gli amministrativi coi loro dati sensibili allegramente diffusi in chiaro. Pd e Iv, assumendo, volevano fare un regalo preelettorale? Beh, almeno ai 3.548 candidati di cui quasi quasi ormai sappiamo anche il numero di piede, il pacco l’hanno dato non c’è dubbio": l’affondo arriva dal capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti dopo avere appreso, per segnalazioni dirette, della falla apertasi sulla blindatura dei dati personali di oltre 3.500 candidati al concorso regionale per assistente amministrativo di categoria C svoltosi ad Arezzo.

"Le persone vanno assunte – incalza Marchetti – ma va saputa garantire la regolarità procedurale. La Regione governata da Pd e Iv se ne dimostra incapace. Mesi fa era toccato al concorsone per gli infermieri, le cui prove scritte erano state tutte fotografate e diffuse sui social con e senza risposte, con e senza banco, e ora ecco il concorso per amministrativi che finisce come minimo davanti all’Autorità garante per la diffusione indebita di dati personali".
Per l’accaduto, i candidati hanno ricevuto una lettera di scuse che parla di "increscioso incidente". Marchetti però non è tenero: "Le scuse sono un po’ pochino per la qualità di lesione della privacy che è stata generata – afferma – e poco conta se le procedure concorsuali strettamente intese fossero concluse o meno. I dati personali restano esposti".

"Vedo che in questo Concorsi senza Frontiere è già partita la manche su chi scarica meglio il barile – prosegue Marchetti – con la giunta che gioca il jolly dell’appalto a una ditta esterna. Ma è lo stesso. Che la superficialità sia praticata in forma diretta o nella scelta degli interlocutori a cui si affidano soldi pubblici e servizi resta lo stigma di una leggerezza inaccettabile sulle cose serie e sulle persone. E’ il caso di questo concorso, era stato il caso del concorsone Estar per gli infermieri, e sempre per Estar è stato il caso delle commesse milionarie per ventilatori polmonari mai arrivati e per mascherine prodotte nel distretto parallelo cinese".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma della strada: perde la vita in un terribile schianto alle porte di Arezzo

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Muore a 24 anni nello schianto tra Monte San Savino e Arezzo

  • Doppio dramma della strada: Enrico e Stefano, due vite spezzate

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • "Addio Enrico", quell'amore per moto e calcetto. Il dolore di Palazzo del Pero: attesa per i funerali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento