menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coingas, la giunta di Arezzo dice no alla costituzione di parte civile. Assenti tre assessori

Casi, Manneschi e Scapecchi non hanno preso parte alla votazione che si è tenuta in giunta

Tra poche ore si conoscerà la scelta dell'assemblea di Coingas in merito alla costituzione di parte civile in vista dell'udienza preliminare fissata per il 23 marzo al tribunale di Arezzo.

I sindaci del centro sinistra appaiono compatti sul voto per il sì. E' una questione amministrativa, di tutela di una società a capitale pubblico e quindi anche di trasparenza nei confronti dei cittadini che sono qui rappresentanti dai sindaci dei comuni che sono soci. 

Nell'ultima assemblea, nel corso della quale l'avvocato incaricato Scarabicchi aveva illustrato il parere, anche i sindaci civici e quelli afferenti all'area di centro destra si erano mostrati pronti a votare sì, anche sulla scia di quanto dichiarato a livello provinciale dalla Lega. 

Soltanto il Comune di Arezzo e quello di Bibbiena avevano chiesto di tornare nelle rispettive giunte per avere un mandato preciso anche alla luce dei contenuti del parere richiesto da Coingas.

La vicesindaca Lucia Tanti sapeva infatti di avere posizioni diverse in giunta. Questa mattina al Corriere di Arezzo ha però detto che gli assessori si sono accordati, all'unanimità, per votare no alla costituzione di parte civile di Coingas. Ma c'è un però: alla votazione, per conflitti di interesse, non hanno partecipato l'assessore al bilancio Alberto Merelli e lo stesso sindaco che sono imputati nell'udienza preliminare e non hanno preso parte nemmeno i due assessori della Lega Casi e Manneschi e quello di riferimento di Forza Italia Federico Scapecchi. La votazione quindi è stata presa con la metà dei componenti della giunta presenti, riferibili in gran parte alle posizioni politiche di OraGhinelli e di Fratelli D'Italia.

Se questa posizione sarà veramente quella che Tanti porterà alle 14,00 in assemblea tutto dipenderà dal voto degli altri comuni. Per approvare la scelta infatti serve una maggioranza assoluta che potrebbe essere raggiunta anche senza Arezzo, ma con il voto a favore sia dei civici che di quelli di centro destra. Da capire se ci saranno anche della assenze strategiche. Al momento gli altri sindaci non hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    La nuova frontiera social: postare foto senza trucco

  • social

    Zecchino d’Oro: aperti i casting online per la Toscana

  • Gossip Style

    Estate 2021, la moda delle perline colorate

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento