Chiassai replica a Vadi: "Nessun progetto sulla palestra. Chiesta la restituzione di 540mila euro"

La replica del presidente della Provincia

Va avanti il botta e risposta in merito al progetto della palestra di San Giovanni Valdarno. La Provincia adesso chiede la restituzione di 540mila euro. Ecco la nota del presidente Chiassai.

"Non esiste alcun progetto sulla palestra presentato dal Comune alla Provincia – afferma la Presidente Silvia Chiassai Martini –  Io posso dirlo con certezza mentre il sindaco Vadi non può farlo non avendo mai partecipato a nessun incontro che ho tenuto in Provincia sulla questione, né ha mai risposto alle lettere inviate alla sua attenzione a partire dal mese di maggio scorso delegando al compito addirittura la parte tecnica. Dall’8 maggio 2020, ho richiesto proprio al sindaco Vadi la restituzione di 540mila euro in assenza di una proposta chiara e definitiva sull’impianto, in considerazione che sono trascorsi ben 14 anni dal finanziamento incassato dal Comune per una struttura mai costruita. Non ho mai ricevuto nessun progetto concreto, con budget, tempistiche e piano finanziario, come invece l’ex vice Sindaco di San Giovanni si era impegnato a provvedere, ma l’ennesima proposta di sottoscrivere una nuova convenzione, dopo quella del 2006, 2009 e 2015, contenuta in una lettera del Dirigente correlata da una 'bozza di studio di fattibilità' dove ubicare la struttura. Dopo 14 anni è finito il tempo dei discorsi fumosi e dell'inadempienze, per rispetto proprio dell’interesse pubblico e dei cittadini. Dopo le ultime dichiarazioni mi viene il dubbio che il Sindaco Vadi non sia minimamente informata sulla vicenda, oppure, fatto ancora più inaccettabile, tenti di nascondere il grave danno arrecato alle collettività con risorse pubbliche per un’opera mai realizzata. Ribadisco che con grande senso di responsabilità nei confronti di tutte le comunità amministrate, dei sangiovannesi e dei tanti ragazzi che frequentano le scuole superiori di San Giovanni ho richiesto indietro oltre 500mila euro che il Comune non è stato in grado di utilizzare e visto che, in assenza di una struttura sportiva, la Provincia ha continuato a pagare centinaia di migliaia di euro di affitto per gli altri spazi dove svolgere attività didattica nel rispetto del diritto allo studio. A questo punto torno a chiedere pubblicamente dove sono queste risorse e che fine hanno fatto Dal 2006? Solo oggi il Sindaco di San Giovanni ha rotto il silenzio dopo le mancate risposte ai solleciti inviati. Se c’è qualcuno, quindi, che tenta di nascondere la testa sotto la sabbia non è certo la Presidente della Provincia di Arezzo che in tutti questi mesi ha soltanto preteso serietà e chiarezza. A questo punto sulla questione si pronuncerà la Corte dei Conti a cui ci siamo rivolti proprio per avere una valutazione complessiva dei fatti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento