Chiassai replica a Ceccarelli: "Scaricata la responsabilità sui dirigenti. Politica? Non tutti dipendono da una poltrona"

Continua il botta e risposta tra la presidente della Provincia e l'assessore regionale ai trasporti: "Il problema dell'assessore Ceccarelli è proprio che so troppo bene quali sono i miei compiti e quelli della Regione"

"Il problema dell'assessore Ceccarelli è proprio che so troppo bene quali sono i miei compiti e quelli della Regione".
Attacca così la replica della presidente della Provincia Silvia Chiassai nei confronti dell'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli che l'aveva invitata a dimettersi. Il tema di discussione è legato alla difficoltà - secondo Chiassai - di organizzare il trasporto scolastico da e per la scuola. 

Trasporto scolastico, Ceccarelli: "Se la Chiassai non sa le competenze del suo ente, si dimetta"

"Infatti dice candidamente che la Provincia ha il compito di utilizzare i fondi che la Regione Toscana mette a disposizione e di applicare le direttive del Governo al meglio per garantire i servizi. Se Ceccarelli crede di aver svolto il suo compito mandando una lettera il 14 agosto affermando: “Occorre immaginare orari nuovi e diversificati, iniziative delle singole scuole per stimolare gli studenti – laddove possibile – ad utilizzare forme di mobilità sostenibile e alternativa (per esempio organizzando spazi dove poter lasciare le biciclette in sicurezza); o, ancora, prevedere orari di apertura degli edifici scolastici anticipati, al fine di favorire la possibilità da parte delle famiglie di organizzare forme di mobilità che possano contemperare le necessità dei genitori e dei figli. E tutte le altre iniziative che riterrete opportune per evitare che il sistema del trasporto pubblico si trovi a dover affrontare picchi di domanda ai quale non sarebbe certamente in grado di dare risposta. Questa è la situazione ad oggi. Continuiamo a lavorare, sperando che le condizioni mutino e che le linee guida nazionali aprano a possibili rivisitazioni delle regole attuali”.

Quindi ne’ il Governo ne’ la Regione sanno come risolvere il problema e ad un mese dalla riapertura delle scuole scarica la responsabilità su i dirigenti che devono trovare il modo di rimodulare gli orari per entrate scaglionate e ai genitori che immagino entreranno a lavoro in base ai nuovi orari dei figli o magari li manderanno tranquillamente in bicicletta!

Infine, capisco che per chi vive di politica da sempre, sia normale fare scelte di convenienza, del resto che cosa farebbero gli storici consiglieri della nostra regione se non venissero rieletti?
Ceccarelli deve sapere che non tutti dipendono da una poltrona, io preferisco rischiare tutto chiedendo ai miei cittadini nuovamente fiducia per un secondo mandato da sindaco della mia città, che garantirmi un posto sicuro e ben retribuito, senza responsabilità e pensieri in regione. 
Invece di preoccuparsi di me, si preoccupi dei trasporti della regione, “sperando che la situazione migliori” o che tanti ragazzi decidano di andare a scuola in bicicletta!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento