Politica

Il Partito Comunista annuncia il proprio candidato sindaco per Arezzo: "Né col Pd, né col centrodestra"

La nota: "Ci presenteremo alle elezioni comunali di Arezzo con una lista e il nostro simbolo, mettendoci la faccia senza nasconderci dietro inutili liste civiche". Il candidato è Alessandro Facchinetti, dipendente Telecom

Alessandro Facchinetti, candidato sindaco

"Il Partito Comunista si presenterà alle elezioni comunali di Arezzo con una propria lista e con il proprio simbolo, mettendoci la faccia e non nascondendosi in dannose o inutili liste civiche", il sesto candidato a sindaco di Arezzo era nell'aria, ora è stato ufficializzato.

La nota del Parttito Comunista

In ottemperanza alla coerenza che da sempre ci contraddistingue, lo faremo in maniera indipendente ed autonoma, alleati solo ed esclusivamente ai lavoratori, ai precari, ai cassintegrati, ai disoccupati, ai giovani, ai pensionati, ai piccoli commercianti, agli artigiani, insomma a tutti quelli massacrati socialmente dalle politiche europee, eseguite dai governi sia di centrodestra che di centrosinistra.

Non faremo quindi accordi con altre forze politiche, né prima né dopo, ma cercheremo di dar voce a quelle forze sociali che si riconoscono nella necessità di un cambiamento radicale, in quelle forze non colluse col sistema di potere e clientelare che sempre più si riscontra nella pratica politica.

Lo faremo non solo per portare le lotte dei lavoratori nelle istituzioni, bensì come occasione per presentare le nostre idee ed i nostri progetti per una città diversa ed alternativa, rispetto a quella – diseguale e non solidale - mal governata prima da Fanfani e poi da Ghinelli.

Abbiamo perciò individuato - come candidato sindaco - il nostro segretario cittadino, il lavoratore della Telecom Alessandro Facchinetti, colui che ha costruito – insieme alla giovane Caoli Berni, che sarà capolista – il nostro partito ad Arezzo. Alessandro, insieme a tutti noi ed a coloro che vorranno darci una mano, si propone di dare una concreta alternativa di governo cittadino, in netta contrapposizione alle precedenti amministrazioni, da quelle a guida Pd a quelle a guida centrodestra, come l’attuale.

La nostra lista sarà composta da lavoratori dipendenti ed autonomi, da studenti universitari e giovani delle scuole superiori, da gente che fa politica per convinzione, per passione e con onestà, non certo per tornaconto o per manie di protagonismo.

Nelle prossime settimane presenteremo il nostro programma, con il quale dimostreremo che siamo altro, davvero altro: un programma non tanto di proteste, ma di proposte, un programma per una città diversa.

Arezzo si merita altro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Partito Comunista annuncia il proprio candidato sindaco per Arezzo: "Né col Pd, né col centrodestra"

ArezzoNotizie è in caricamento