Politica

Ceccarelli e De Robertis (Pd): "Strumentali le critiche del sindaco di Arezzo alla sanità"

L'intervento dei due consiglieri regionali aretini del Partito Democratico

Nella foto Lucia De Robertis e Vincenzo Ceccarelli, archivio Arezzo Notizie

"Abbiamo l’impressione che l’intervento del sindaco di Arezzo su un tema di grande interesse qual è quello della sanità ad Arezzo, abbia più lo scopo di distogliere l’attenzione da altri temi a lui meno graditi, che non quello di dare un contributo concreto al percorso già avviato da qualche mese per ridisegnare l’organizzazione delle strutture e dei servizi per la salute, alla luce delle criticità emerse negli scorsi anni e soprattutto delle mutate condizioni conseguenti alla pandemia e alle trasformazioni già in atto".

Con queste parole il capogruppo del Pd in Consiglio Regionale e la presidente della quarta commissione, commentano le notizie apparse sulla stampa.

"Il sindaco di Arezzo - proseguono Ceccarelli e De Robertis - sembra essere rimasto in letargo per qualche mese, mentre noi, anche grazie ad una apposita mozione approvata in Consiglio Regionale, abbiamo messo a fuoco quelli che sono i temi su cui è già aperto il confronto con addetti ai lavori e cittadinanza e anche indicate le direzioni più opportune da prendere. Centrale resta la questione più ampia della governance del sistema, questione per noi aperta rispetto alla vastità della Asl sud-est, ma siamo ora nel vivo della fase partecipativa e questo è uno dei temi centrali che sarà sciolto in occasione degli stati generali della salute. Nel frattempo, è stato avviato il percorso per la revisione delle zone-distretto".

Capitolo hospice

«Quanto all'hospice - proseguono gli esponenti democratici - l'Asl Tse ha informato gli amministratori del Comune di Arezzo sul procedimento che è stato attivato per arrivare alla nuova sede. Siamo noi i primi a chiedere che sia recuperato il ritardo nell’attivazione della sede temporanea, ma dire che la Asl deve ‘rimpossessarsi di una struttura che c'era già’ è assolutamente strumentale, perché gli aretini sanno bene che durante l’emergenza Covid la struttura è stata destinata ai pazienti oncologici per ridurre, allontanandoli dal corpo centrale del San Donato, i rischi legati al Covid. Questi servizi di oncologia sono ancora presenti nella palazzina. Come si è detto più volte, l’Asl Tse è già impegnata a realizzare il nuovo hospice nell’area del Pionta utilizzando non solo finanziamenti regionali, che abbiamo chiesto e ottenuto, ma anche risorse proprie. Non vorremmo che si dimenticassero i cospicui investimenti che la Regione ha effettuato in questi ultimi anni per i presidi ospedalieri della Provincia. I tempi di realizzazione, però, non dipendono esclusivamente dall’Asl, ma dalle leggi. Si tratta di una procedura che prevede confronto e dialogo tra tutti gli enti interessati e chi conosce le procedure come il Sindaco di Arezzo non può far finta di scandalizzarsi, a meno che non voglia proporsi lui come soggetto attuatore, garantendo iter più veloci. Una volta esaurita questa fase, si apre il cantiere e la stima dell’azienda è che siano necessari 18 mesi per realizzare l’opera. L’Asl Tse è ovviamente consapevole della necessità dell’hospice e dovrà ridurre al massimo i tempi nel rispetto delle normative. In questo senso ci risultano già attivati il Direttore amministrativo, il Direttore del Dipartimento Tecnico e il Direttore della Zona Distretto».

«Dispiace - concludono Ceccarelli e De Robertis - che il Sindaco di Arezzo definisca la narrazione del lavoro che tutti gli operatori del San Donato hanno fatto e stanno facendo come ‘trionfalistica’, ‘spacciando per successi quelli che successi non sono’. Tutti gli operatori sono stati e sono sottoposti ad uno stress formidabile ed hanno ottenuto, se dobbiamo usare le parole del Sindaco di Arezzo, successi in termine di cure e di salvezza di vite nel periodo peggiore vissuto dalla sanità italiana dal dopoguerra».
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ceccarelli e De Robertis (Pd): "Strumentali le critiche del sindaco di Arezzo alla sanità"

ArezzoNotizie è in caricamento