Domenica, 19 Settembre 2021
Politica

Castiglion Fiorentino, Pd: "Che ne sarà dell'Ente Serristori?"

"Il presidente dell’Ente Serristori Alessandro Concettoni, ha imparato bene la lezione dei suoi capi di Palazzo San Michele: più si sparano grosse più si conquistano titoli sui giornali, tanto a smentire c’è sempre tempo. Oggi scopriamo che questo...

lucini_angela2

"Il presidente dell'Ente Serristori Alessandro Concettoni, ha imparato bene la lezione dei suoi capi di Palazzo San Michele: più si sparano grosse più si conquistano titoli sui giornali, tanto a smentire c'è sempre tempo. Oggi scopriamo che questo signore, il quale oltre che presidente del Serristori è anche fornitore di computer al comune, alla faccia del conflitto d'interessi, avrebbe ereditato un Ente al disastro trasformandolo in un Ente modello."

Comincia così la nota del Pd di Castiglion Fiorentino sull'Ente Serristori che prosegue attaccando la gestione dei beni:

"Niente di più falso, l'Ente non era per niente rovinato, anzi negli anni del centrosinistra il Serristori aveva conservato intatto il patrimonio e avviato un progetto di rifacimento della Casa di Riposo.

Da quando Concettoni ha preso il comando i bilanci sono andati in perdita e si è iniziato a svendere: oltre duecento ettari di bosco e pascoli venduti al prezzo di un appartamento, affitti così bassi che chi ha preso le terre migliori le ripaga con il contributo della PAC. E non parliamo certo dei giovani imprenditori agricoli che vanno invece aiutati ed ai quali si chiedono invece affitti consistenti . I macchinari agricoli sono stati liquidati a prezzo di saldo. Un modo vergognoso di amministrare i beni di tutti come fossero beni privati che ha portato alle dimissioni del vicepresidente Federico Zucchini, il quale era in totale disaccordo con questo assurdo modo di fare.

Lo stesso progetto della nuova RSA non è certo stato partorito dalla mente di Concettoni, quando il nuovo Presidente è arrivato i lavori erano, infatti, iniziati da un pezzo. Piu' di metà Casa di Riposo era completamente ristrutturata e la Comunità familiare che è al proprio interno era già autorizzata.

C'è però un piccolo problema al quale le amministrazioni di centro sinistra avevano iniziato a porre rimedio: un posto nella RSA così come l'ha concepita Concettoni verrà a costare agli utenti circa 3000 euro il mese. Chi ha i soldi per pagare rette così alte? La Casa di Riposo Serristori è nata per aiutare gli anziani in difficoltà, ed è in questa direzione che vanno trovate le soluzioni. La verità, di là dalle chiacchere, è che questi pseudo-amministratori hanno completamente svuotato l'Ente. Invece di favorire i bisognosi favoriscono i ricchi, invece di rendere redditiva l'azienda agricola la vendono. Il povero Conte Serristori aveva pensato che il suo patrimoinio dovesse servire per aiutare i bisognosi invece qui avviene tutto il contrario: si da via per un tozzo di pane un patrimonio che era rimasto intatto dal 1600 distruggendo così un bene che apparteneva alla comunità castiglionese."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castiglion Fiorentino, Pd: "Che ne sarà dell'Ente Serristori?"

ArezzoNotizie è in caricamento