Casentino, ok a referendum fusioni contestuale in tutti i Comuni

In Casentino il referendum consultivo sulle fusioni si svolgerà contestualmente in ogni Comune. La fusione si farà se incontrerà l’orientamento favorevole della maggioranza dei cittadini in ciascuno dei comuni coinvolti. Inoltre, il quesito che...

consiglio-regionale-derobertis-giani-bugli

In Casentino il referendum consultivo sulle fusioni si svolgerà contestualmente in ogni Comune. La fusione si farà se incontrerà l’orientamento favorevole della maggioranza dei cittadini in ciascuno dei comuni coinvolti. Inoltre, il quesito che sarà sottoposto ai cittadini di Chiusi della Verna prevederà, alternativamente, una scelta tra tre soluzioni: quella di fondersi con i comuni di Chitignano e Castelfocognano, quella di fondersi con i comuni di Bibbiena e di Ortignano Raggiolo, quella di non procedere ad alcuna fusione. Analogamente, ai cittadini degli altri comuni interessati (Chitignano e Castel Focognano da un lato, Bibbiena e Ortignano Raggiolo dall’altro) sarà sottoposto un quesito per esprimere la propria volontà di fondersi o meno tra loro e con il Comune di Chiusi della Verna. Un caso più unico che raro quello che ha riguardato i comuni del Casentino: due le ipotesi in campo, l’istituzione del Comune di Casentino La Verna, per fusione dei Comuni di Bibbiena, Chiusi della Verna e Ortignano Raggiolo e l’ istituzione del Comune di Chiusi Verna Chitignano Castel Focognano, per fusione dei Comuni di Castel Focognano, Chitignano e Chiusi della Verna. Per questo il gruppo Pd ha ritenuto necessario presentare un ordine del giorno ad hoc, approvato dall’assemblea toscana, che, per questa specifica situazione, prevede l’ok al procedimento di fusione solo con una maggioranza favorevole in ogni comune coinvolto.

“Con l’approvazione dei quesiti referendari il Consiglio adempie all’obbligo costituzionale di consultare la popolazione su due proposte di fusione parimenti legittime, supportate l’una dalle firme dei cittadini, l’altra dalle deliberazioni dei consigli comunali, organi democraticamente eletti rappresentativi delle rispettive comunità. – ha spiegato Lucia De Robertis, consigliera regionale Pd e vicepresidente dell’assemblea toscana - La parola passa ora agli elettori, che hanno la consapevolezza che il Consiglio , data la particolarità della situazione, con due proposte concorrenti alternative, deciderà per la fusione che avrà ottenuto il gradimento della maggioranza degli elettori in ciascun comune coinvolto. Una scelta messa nero su bianco con un ordine del giorno che integra la risoluzione che sulle fusioni adottammo nella primavera 2016, dato che questa, da sola, rischiava, proprio per questo particolare caso, di non essere sufficientemente chiara sugli esiti dei referendum. Il Consiglio in questi mesi ha seriamente approfondito tutti gli aspetti connessi con le due proposte di fusione alternative, tenendo sempre aperto il confronto coi promotori di entrambe, sia col comitato per la fusione di Bibbiena. Chiusi e Ortignano, sia coi sindaci di queste realtà e degli altri due comuni interessati, Chitignano e Castel Focognano. Proprio questo costante confronto ci ha portato a coinvolgere il collegio di garanzia statutaria per addivenire ad un percorso consultivo massimamente rispettoso di tutte le volontà espresse. Ora, davvero, la parola agli elettori. Verso cui il Consiglio regionale avrà, ancora una volta, il massimo rispetto”.

“La proposta di deliberazione per l’indizione del referendum consultivo sulle proposte di fusione in Casentino va incontro alle richieste dei territori e delle istituzioni locali; nel contempo l'atto di indirizzo politico del Pd equilibra la situazione, senza dubbio complessa e particolare, perché le ipotesi in campo saranno approvate solo in caso di maggioranza favorevole in ogni comune durante la consultazione. – ha dichiarato Valentina Vadi, consigliera regionale Pd e componente commissione Affari istituzionali - Ora la parola passa ai cittadini che indicheranno quale assetto istituzionale vorranno dare al Casentino”.

“Un impegno straordinario quello che è stato messo in campo per questo territorio, data la grande spinta aggregativa che è emersa e la necessità di venire incontro a sensibilità diverse. – ha illustrato Leonardo Marras, capogruppo Pd Regione Toscana - E’ molto difficile esprimersi in casi come questi. L’unico modo di giungere ad un risultato chiaro è quello di interrogare la popolazione e così abbiamo deciso di procedere Abbiamo ritenuto doveroso quindi affrontare questa specificità con un ordine del giorno mirato proprio a mettere nero su bianco quest’esigenza, un indirizzo volto a rispettare la specialità di questo caso verificatosi in Casentino, del tutto inedito, con lo svolgimento contestuale dei referendum consultivi relativi a due diverse proposte di legge e la possibilità per un Comune di scegliere tra tre opzioni differenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le fusioni dei comuni in Toscana sono al centro del lavoro della commissione. – ha fatto presente Giacomo Bugliani, presidente commissione Affari Istituzionali - Sulla situazione del Casentino c’è stato un impegno mirato e specifico, con l’ascolto delle comunità e delle istituzioni coinvolte in una seduta aperta. In aula oggi quindi c’è l’approdo e il risultato di questo importante lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento