Politica

Casa delle Culture e Cam: un triste maggio per i servizi sociali

Tra Casa delle Culture e Cam - Centro Accoglienza Minori, il mese di maggio sarà funesto per due importanti servizi sociali di Arezzo. I Popolari per Arezzo denunciano come l’ormai nota chiusura del centro di informazione, consulenza e...

Popolari per Arezzo - Massimo Soletti (2)-3

Tra Casa delle Culture e Cam - Centro Accoglienza Minori, il mese di maggio sarà funesto per due importanti servizi sociali di Arezzo. I Popolari per Arezzo denunciano come l'ormai nota chiusura del centro di informazione, consulenza e orientamento dedicato agli stranieri si sommerà proprio in questi giorni anche alla chiusura della struttura di via Verdi che finora aveva ospitato bambini in situazione di grave difficoltà familiare e avevo offerto loro un ambiente residenziale dove crescere serenamente. L'amministrazione comunale, dunque, priverà centinaia di persone di due solidi punti di riferimento.

In primis, i Popolari per Arezzo esprimono amarezza per la scelta di interrompere la positiva esperienza della Casa delle Culture e per non aver provato a trovare alternative per mantenere attivo questo luogo di incontro e di coesione attraverso un bando economicamente più sostenibile, limitandosi ad annunciare che i percorsi di cittadinanza per i nuovi arrivati saranno delegati alla Fraternita dei Laici ma senza precisare i dettagli relativi a servizi, risorse, personale e attività di integrazione. In parallelo c'è la chiusura del Cam per cui non è stato rinnovato il bando della gestione e che dunque priverà i minorenni attualmente ospiti di un importante luogo di crescita, formazione ed educazione in un periodo delicato come la fine dell'anno scolastico. «Questi bambini - spiega Massimo Soletti dei Popolari per Arezzo, - sono già lontani e separati dalla famiglia naturale, dunque perderanno anche la presenza di compagni ed operatori che erano riusciti ad incarnare una nuova idea di casa e di famiglia. L'amministrazione, tra l'altro, non ha espresso chiaramente le proprie intenzioni rispetto a ciò che seguirà alla chiusura di Cam e Casa delle Culture, ma l'unica certezza è la perdita da parte della cittadinanza di spazi e di servizi, senza sapere se e come verranno riproposti. Si tratta di due mancanze avvenute in contemporanea che mostrano ancora una volta la scarsa sensibilità dell'attuale giunta verso questi temi».
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa delle Culture e Cam: un triste maggio per i servizi sociali

ArezzoNotizie è in caricamento