rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Politica Centro Storico / Viale Bruno Buozzi

"Camposanto: via stretta, sporca, pericolosa". La denuncia di Demos

Al monumentale di Arezzo la via sconnessa e le “piscine” del parcheggio sotto le Mura medicee.

"Aver cura di Arezzo". Con questo monito, Demos inizia il suo intervento pubblico con il quale intende rappresentare il proprio sdegno in merito alle condizioni in cui versa l'area adiacente al cimitero monumentale della città.

"È lì, conduce alla porta alta del camposanto di Arezzo, sotto la Fortezza Medicea, splendidamente restaurata, conduce da viale Buozzi alla parte alta del cimitero. È una via stretta, piena di avvallamenti, buche, il tracciato è poco più di un tratturo, l’ingresso dall’alberato viale Buozzi nella via stretta è un’impresa automobilistica che mette a repentaglio la carrozzeria delle auto che vi si avventurano e sono molte, sia per coloro che praticano la pietas verso i propri cari defunti che per gli utenti del parcheggio sotto le Mura.

Demos ha iniziato una campagna d’opinione all’insegna di “Aver cura di Arezzo”, la Bell’Arezzo che si candida a Capitale italiana della Cultura 2030.

La via stretta che conduce al camposanto va sistemata, messa in sicurezza, il parcheggio va curato, il terreno è disastrato dalle buche che, con la pioggia, diventano “piscine all’aperto” segno d’incuria e degrado per i turisti che si affacciano dall’alto delle splendide Mura medicee della fortezza.

La via stretta è sporca, nei campi sottostanti, tra gli ulivi, immondizia, scaldabagni dismessi, rottami, gettati dai soliti vandali, incivili che non vogliono bene ad Arezzo.

Per Demos, l’Osservatorio dei cattolici democratici, la via stretta per il camposanto va resa degna di un luogo caro agli Aretini e, tra l’altro, unica via di comunicazione per quella benemerita azienda che è Multiservizi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Camposanto: via stretta, sporca, pericolosa". La denuncia di Demos

ArezzoNotizie è in caricamento