Bernardini su CdA Nuove Acque: "La politica aretina non è cambiata"

“La politica, almeno quella aretina, non è cambiata con il cambiare degli uomini. Ieri, all’assemblea per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Nuove Acque ho assistito ad uno tra i peggiori teatrini che poteva partorire la nostra piccola...

bernardini-daniele-sondaco-bibbiena

“La politica, almeno quella aretina, non è cambiata con il cambiare degli uomini. Ieri, all’assemblea per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Nuove Acque ho assistito ad uno tra i peggiori teatrini che poteva partorire la nostra piccola e amena provincia. Il peggiore perché, al ribasso, ha messo d’accordo tutti, da destra a sinistra.

Cosa è successo è presto detto: l’Assemblea è servita solo a ratificare decisioni – anzi spartizioni – fatte nelle stanze dei bottoni, senza tener conto delle professionalità, degli uomini, delle competenze. Addirittura è stato inserito qualcuno da molto lontano che, con la realtà di Arezzo e provincia, poco ci incastra, se non fosse appunto, per una poco spettacolare magia della politica delle spartizioni la quale, a quanto pare, è l’unica capace di mettere tutti, proprio tutti, d’accordo. I sindaci casentinesi, per non essere da meno, hanno proposto e votato l'ex di turno,cioè Graziano Agostini, appunto ex sindaco di Poppi. E tutto questo in barba ad ogni discorso sul rinnovamento, la rottamazione, la meritocrazia e chi più ne ha più ne metta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questi motivi ho deciso di non votare questo atto, un altro di quelli che contribuiscono ad allontanare i cittadini dalla politica ed i giovani dal nostro sistema paese. Assistendo a questa scenata da avanspettacolo, infatti, ho pensato proprio a loro, ossia ai giovani, alle fasce deboli del futuro – come ci ricordano i dati resi noti ieri dalla stampa - resi poveri e senza prospettive proprio a causa di questa politica. Mi piacerebbe dire che ero in buona compagnia in questa presa di posizione; purtroppo ho fatto tutto in solitaria e non certo per fare il “bastian contrario”, ma perché indignarsi, in certi casi, è un dovere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento