Giovedì, 18 Luglio 2024
La proposta

Romizi: "Aumento indennità come da legge nazionale, ma sindaco e giunta possono ridurre la quota a carico del bilancio"

Intervento del consigliere comunale Francesco Romizi di Arezzo 2020 sul provvedimento del segretario regionale che recepisce la Legge di Bilancio e aumenta in tre scaglioni le indennità mensili degli amministratori

"Non intendo mettere in discussione l’applicabilità di una legge, un suo automatismo e le relative risorse, disponibili peraltro in un fondo statale. Non stiamo discutendo del legittimo diritto degli amministratori locali a ricevere un compenso per il lavoro svolto. Se attualmente sono consigliere comunale, e come tutti i consiglieri ricevo 100 mese al mese, in passato ho ricoperto il ruolo di assessore e so cosa significa in termini di sacrificio: di tempo, affetti, responsabilità. E questo va riconosciuto. La battaglia di Anci per l’adeguamento delle indennità di sindaci e assessori ha trovato traduzione in una norma nazionale e dunque gli aumenti per sindaco e giunta, anche ad Arezzo, sono consequenziali."

Il consigliere comunale Francesco Romizi di Arezzo 2020 interviene sul provvedimento del segretario generale  del Comune che recepisce la Legge di Bilancio e aumenta in tre scaglioni le indennità mensili degli amministratori e cioè sindaco, vice, assessori e presidente del consiglio comunale. L'atto pubblicato nell'albo pretorio mette in evidenza tutti gli stipendi lordi precedenti, quelli dell'anno in corso e poi la somma del 2023 e del 2024.

Su questo Romizi ha un distinguo da fare: "Tuttavia c’è un “ma”: se l’incremento in questione sarà a carico dello Stato e dunque senza oneri per il Comune, l’indennità attuale, chiamiamola quella ‘base’, grava sul bilancio comunale e così resterà. E dunque su questa voce si può intervenire. In quale direzione è facile dirlo: ci sono categorie di lavoratori che da anni non ricevono aumenti contrattuali, nel pubblico e nel privato, sui tavoli delle case e dei negozi si accumulano bollette da pagare, e con quali sorprese, molte imprese stentano ad agganciare il treno della ripresa. Non mi sembra questo il momento, per la politica, di offrire un’immagine d’insensibilità. A sindaco e giunta chiedo dunque di ridursi quella parte dell’indennità riconducibile al bilancio del Comune, in sostanza alle tasche degli aretini. Male che vada, faranno pur sempre pari."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Romizi: "Aumento indennità come da legge nazionale, ma sindaco e giunta possono ridurre la quota a carico del bilancio"
ArezzoNotizie è in caricamento