menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Arezzo meta turistica di Serie B, non avrà i contributi a fondo perduto di Siena o Pisa"

Interrogazione di dei parlamentari D'Ettore e Mugnai di Forza Italia: "Le attività economiche satelliti del turismo di Arezzo non beneficeranno dei fondi per le attività di vendita di beni o servizi al pubblico nei centri storici"

Battaglia in Parlamento per il riconoscimento di Arezzo quale meta turistica rilevante della Toscana, al pari di Firenze, Siena e Pisa. "Il governo estenda l'accesso al contributo a fondo perduto anche alle realtà turistiche emergenti, sostenibili e innovative della città di Arezzo". Attacca infatti così un intervento, riportato dall'agenzia Adnkronos, di Maurizio D'Ettore e Stefano Mugnai, deputati di Forza Italia. "Ancora una volta, infatti - dicono in un'interrogazione a risposta orale al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo e al Ministro dello sviluppo economico - Arezzo non è stata considerata tra le mete turistiche meritevoli di sostegno della Toscana, diversamente da Firenze, Siena e Pisa".

Insomma, i parlamentari non ci stanno: Arezzo non deve essere considerata una meta di Serie B, perdendo importanti agevolazioni. "Le attività economiche satelliti del turismo di Arezzo - dicono i parlamentari - non beneficeranno quindi del contributo a fondo perduto previsto per le attività imprenditoriali di vendita di beni o servizi al pubblico nei centri storici dei comuni capoluogo di provincia o di città metropolitana. E' opportuno quindi modificare questi criteri di accesso per consentire alle attività, soprattutto in questo momento di crisi, di sopravvivere. La promozione, social e comunicativa, della città, a livello nazionale e internazionale, ha fatto negli ultimi anni registrare un incremento turistico a livelli che in precedenza non erano nemmeno concepibili. Tuttavia la pandemia ha mortificato questo slancio di Arezzo e il mancato riconoscimento di un adeguato sostegno fiacca le possibilità di sviluppo delle attività. Il Governo punti a sostenere un turismo diffuso, sostenibile e destagionalizzato, obiettivo da sempre perseguito dall'amministrazione di Arezzo ed ora ingiustamente umiliato dalla errata previsione contenuta nell'articolo 59 del dl numero 104 del 2020".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento