Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Arezzo, allevamenti a picco; Marchetti (FI): "Dal 2010 al 2017 chiuse il 34,2% di aziende di ovini e caprini"

I dati sono stati forniti dalla giunta toscana in risposta a un’interrogazione del Capogruppo di Forza Italia in Regione Maurizio Marchetti

"Dal 2010 al 2017 nella provincia di Arezzo l’attività di allevamento ha subito perdite drammatiche, con 392 aziende che hanno chiuso stalle e ovili. In dettaglio, si è registrata una perdita del -34,2% per quanto riguarda ovini e caprini, con numero di allevamenti che in valore assoluto sono crollati da 822 a 541, e del -20%, da 565 a 454, nel comparto bovino-bufalino. Proprio per mucche & Co le aziende con oltre 5 capi andate perdute sono state 41, con un salto all’indietro da 327 a 286 allevamenti pari al -13%. Dinanzi dati così sconfortanti la Regione ha dimostrato e dimostra di non saper né agire né reagire".

A suonare l’allarme è il Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti. E’ a lui che la giunta regionale ha fornito in risposta a un’interrogazione  dati impressionanti sulla mortalità delle imprese zootecniche.

"Si tratta di numeri che per quanto riguarda Arezzo e le sue vallate fanno impressione. Stiamo perdendo un patrimonio non solo produttivo, ma anche culturale che caratterizza i nostri territori. Per non parlare della perdita in termini di valore genetico per quanto riguarda la selezione di alcune delle nostre razze autoctone. Le predazioni sono tra i fattori che maggiormente indeboliscono il settore, ma invocare il Piano lupo come sta facendo la Regione non basta, e l’assessore non può non saperlo. Lui stesso conta in Toscana 600 lupi più altrettanti ibridi. Il Piano lupo consentirebbe prelievi massimi del 5% di esemplari, pari a 30 lupi. Si può pensare che una simile misura di contrasto, oltretutto a carico di una specie protetta, sia risolutiva? Non credo davvero. Agire sui 600 ibridi, invece, forse sì che lo sarebbe. Allora, piuttosto che giocare a scaricabarile, meglio sarebbe procedere con catture e sterilizzazioni di quegli esemplari non specie protetta. Basta avere un pallottoliere per capirlo. Asserire il contrario è una presa in giro".

Per Forza Italia la proposta è una: "Ribaltare l’approccio strategico. La sinistra si affida a politiche di indennizzo dei danni che lasciano a carico dei pastori tutti gli oneri di spesa legati a prevenzione e burocrazia, e che risarciscono in tempi troppo dilatati per essere sostenibili per i piccoli allevatori. Noi vogliamo partire da prima del danno ed evitare che si verifichi: misure incentivanti rispetto agli strumenti di difesa passiva e contenimento degli esemplari ibridi sono azioni non più rinviabili".

"Questi dati dimostrano ciò che noi, ascoltando le ripetute richieste d’aiuto che giungono dagli operatori del settore e viste le misure messe in campo dalla Regione, sosteniamo da tempo, ovvero – incalza il Capogruppo regionale di Forza Italia – che finora la sinistra che governa la Toscana non è stata capace né di gestire la fauna selvatica, da un lato, né, dall’altro, di accompagnare e sostenere le nostre aziende zootecniche, i nostri allevatori e i nostri pastori alla cui opera noi non intendiamo rinunciare. Da parte della sinistra manca la volontà politica di affrontare la questione con serietà ed efficacia. Dal 2020, quando vinceremo le elezioni regionali, ci penseremo noi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arezzo, allevamenti a picco; Marchetti (FI): "Dal 2010 al 2017 chiuse il 34,2% di aziende di ovini e caprini"

ArezzoNotizie è in caricamento