Arezzo 2020: "Basta guerre, vogliamo istituzioni unite per fronteggiare la pandemia"

Il commento del gruppo consigliare di opposizione in merito al dibattito tra Asl e amministrazione comunale

"È mai possibile che nel tempo tremendo del covid19 il Comune di Arezzo non trovi il modo di dialogare e collaborare?". A porsi la domanda è il gruppo consigliare di minoranza, Arezzo 2020, in seguito al duro botta e risposta tra amministrazione comunale e Asl Toscana sud est.

Ospedali da campo e dipendenti comunali, è rottura tra Asl e Comune di Arezzo

"Il sindaco Ghinelli e la sua vice Tanti evidentemente amano le mimetiche e la guerra tra istituzioni - scrivono dall'opposizione - Tempo fa il sindaco invocava l'esercito ai fini della sicurezza. Proposta sballata e bocciata dalle stesse istituzioni preposte all'ordine pubblico. Ora nel caso della pandemia l'amministrazione comunale propone ospedali da campo e l'utilizzo dei dipendenti comunali per funzioni che solo il personale qualificato della sanità è in grado di svolgere. Proposte semplicistiche e sbagliate, dunque non accolte dalle autorità preposte alla salute. Ma Ghinelli e Tanti non si rassegnano, indossano l'elmetto e alimentano una polemica speciosa. È mai possibile che nel tempo tremendo del covid19 il Comune di Arezzo non trovi il modo di dialogare e collaborare? A livello locale si vuol replicare l'assurda diatriba nazionale tra Governo e Regioni? L'amministrazione comunale non ha altro da fare, anche sulla specifica questione coronavirus per gli ambiti propri di un comune, che alimentare una guerra contro la Asl e la Regione? Ovviamente il Comune ha anche il compito di fornire pareri, consigli, contributi alla Asl, ma all'interno di una indispensabile concertazione nella quale la parte specialistica sanitaria ha il dovere di indirizzare al meglio gli interventi. Non ci si avventura in un settore assai complesso ignorando o sottovalutando i tanti risvolti sanitari, logistici, organizzativi, di gestione del personale. A meno che non si voglia vendere fumo, ma se questa attività "politica" è deteriore in tempi normali diventa inaccettabile nella fase di emergenza nella quale ci troviamo." 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento