Politica

Donati: "Scuole chiuse, poi la zona rossa e le responsabilità dei cittadini? Comune isolato e autoreferenziale"

Mancano due giorni al nuovo appuntamento con il consiglio comunale e il capogruppo di Scelgo Arezzo lancia l'appello per il ritorno alla centralità dell'assise

Mancano due giorni al nuovo appuntamento con il consiglio comunale che si svolgerà sempre a distanza. Il capogruppo di Scelgo Arezzo pone delle riflessioni sul piatto. Sono rivolte principalmente alle forze che compongono il parlamentino aretino, perché questo riprenda la sua centralità. La sua è una sorta di lettera ai consiglieri partendo dal punto di vista di osservare un Comune "isolato e autoreferenziale".

"Cari consiglieri, Arezzo vive uno dei momenti più difficili della sua storia recente, una situazione aggravatasi in questi giorni a causa della diffusione elevata e costante del virus, diffusione che ha determinato la zona rossa per tutto il territorio provinciale. Le soluzioni per uscire dalla pandemia non possono certo essere affidate agli amministratori locali ma, allo stesso tempo, la tenuta sociale delle comunità e le prospettive per il futuro delle città dipendono anche dalla qualità delle decisioni prese dai sindaci. In questi mesi, soprattutto in questi giorni, abbiamo assistito a un Comune isolato e autoreferenziale. Prima le continue polemiche con la Regione per l’ospedale da campo, oggi le dichiarazioni di alcuni sindaci della provincia che tendono a dare responsabilità della zona rossa al Comune capoluogo e tra questi anche le amministrazioni politicamente più vicine alla Giunta Ghinelli."

"Chiusura delle scuole, zona rossa e responsabilità dei cittadini?"

"La Giunta ha scelto qualche giorno fa, immagino in buona fede, di chiudere le scuole. Molte famiglie in difficoltà hanno dichiarato il proprio dissenso, alcune di queste hanno anche protestato pubblicamente venerdì mattina. Da quel momento in poi, da parte della Giunta, si è cercato di giustificare in tutti i modi e ossessivamente la scelta della chiusura fino ad arrivare a divulgare “grafici” un po’ improvvisati. Infine è arrivata la decisione della zona rossa e improvvisamente sono iniziati a comparire dichiarazioni e post degli amministratori locali che puntano il dito contro i comportamenti dei cittadini.

Preso atto che assistiamo talvolta a comportamenti poco responsabili, siamo sicuri che l’amministrazione abbia messo in campo quante più azioni possibili per vigilare? Ed è ammissibile che chi guida la città, una volta zona rossa, inizi a deresponsabilizzarsi puntando il dito verso i  cittadini? Ammettiamolo, è una constatazione, la Giunta è distratta e poco coesa."

"Gli interventi sulla ex Cadorna? Meglio nei quartieri o nelle periferie"

"In questi giorni sono stati annunciati alcuni interventi su piazza della Cadorna. L’amministrazione proverà a finanziare quegli interventi attraverso un bando del ministero delle infrastrutture. Quel bando, alcuni di noi lo avevamo segnalato, era rivolto ad altri interventi, in particolare la riqualificazione dei quartieri e dell’edilizia popolare. Forse era giusto prendere in considerazione Pescaiola, San Donato, Saione o le frazioni?

Magari arriveranno le risorse ma nel frattempo è arrivato l’intervento della presidente dell’ordine degli architetti che ha dichiarato “rileviamo tuttavia sia delle criticità oggettive, derivanti dalla complessità e delicatezza dei luoghi stessi, quanto altrettante potenzialità non pienamente espresse”. Sostanzialmente tutto avviene senza coinvolgere nessuno e con progettualità improvvisate. Accadrà come per la rotatoria di via Fiorentina?"

Il ruolo e la presenza del sindaco Ghinelli

"Inoltre, per finire, il sindaco durante la discussione di questo progetto così importante (4.500.000 euro) non era presente e da mesi ormai è il vice-sindaco a firmare gli atti amministrativi. In tutto questo il Consiglio Comunale è stato convocato raramente, con pochi argomenti all’ordine del giorno e a distanza. Langue ferma da mesi una richiesta di consiglio comunale “aperto” (dove per aperto non s’intende in presenza ma solo con il coinvolgimento della città) che il sottoscritto aveva richiesto assieme ad altri consiglieri per affrontare e prevenire le conseguenze negative della crisi. Incombe anche la discussione dell’atto d’indirizzo per la costituzione di parte civile del Comune sul caso Coingas, un documento che crea più di una divisione."

"Fatta questa premessa sento la responsabilità, come consigliere e come cittadino, di chiedere al Consiglio Comunale tutto, in particolare ai consiglieri di maggioranza, di recuperare centralità nel dibattito pubblico, di stimolare la Giunta ad un’azione più incisiva e costante, di aiutare a colmare la distanza tra la città e l’amministrazione."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donati: "Scuole chiuse, poi la zona rossa e le responsabilità dei cittadini? Comune isolato e autoreferenziale"

ArezzoNotizie è in caricamento