Politica

"Non trattate i cinesi in Italia come virus"

Il presidente del Consiglio Eugenio Giani raccoglie l'appello di Massimiliano Martigli Jiang, cinese di nascita, italiano di adozione

“La Toscana ha messo in campo le misure necessarie alla tutela e alla salvaguardia della salute e dell’incolumità di tutti i cittadini senza distinzioni di razza, età o estrazione culturale. Non accetteremo insensate discriminazioni e faccio mio l’appello lanciato dalla garante per l’Infanzia Camilla Bianchi a prestare attenzione ai più giovani”.

Il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, interviene sulla nota della garante che richiama l’invito diffuso da Massimiliano Martigli Jiang, cinese di nascita, italiano di adozione, per non essere trattato come un virus.

“La garante richiama tutti noi adulti ad un comportamento responsabile. Mi unisco al suo appello per combattere pericolosi pregiudizi e condannare episodi di discriminazione” commenta il presidente ricordando quanto già dichiarato nella seduta solenne del Consiglio dedicata al Giorno della Memoria “La mente umana può essere drammaticamente assurda”.


“L’esempio che dobbiamo dare ai giovani e alle famiglie è quello che la Toscana esprime da sempre: tolleranza, accoglienza, difesa dei diritti umani e civili. Comportamenti che molto hanno a che fare con il razzismo non troveranno mai terreno fertile nella nostra regione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non trattate i cinesi in Italia come virus"

ArezzoNotizie è in caricamento