"Angiografo distrutto nell'incendio, quando ce ne sarà uno nuovo?"

L'interrogazione del consigliere regionale Marco Casucci della Lega: "Nel contesto del nostro atto chiediamo anche utili delucidazioni in merito a quando la citata struttura ex Calcit verrà pienamente ripristinata"

Nota del consigliere regionale Marco Casucci della Lega, che interviene sull'ospedale San Donato. "Nell'aprile scorso - ricorda - nella palazzina ex Calcit di Arezzo, si sviluppò un incendio che causò ingenti danni e tra questi, purtroppo, anche la distruzione di un angiografo. Da allora è utilizzabile solamente un'apparecchiatura e quindi riteniamo utile che tale lacuna venga, finalmente, colmata. In tal senso -precisa l'esponente leghista - abbiamo quindi predisposto un'interrogazione, menzionando, tra l'altro, alcune dichiarazioni pubbliche rilasciate dall'allora direttore del San Donato, in cui si aupicava la presenza nel nosocomio aretino di ben tre angiografi. Nel contesto del nostro atto chiediamo anche utili delucidazioni in merito a quando la citata struttura ex Calcit verrà pienamente ripristinata, tornando, così, operativa. Il nostro auspicio è che, dunque, si mettano in condizione i pazienti ad avere sempre a disposizione un numero adeguato di strumentazioni per specifici ed importanti esami cardiologici, senza ovviamente tralasciare altre significative attività diagnostiche, soprattutto in ambito interventistico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Arrivati i nuovi vaccini Covid: ecco chi può accedere e come prenotarsi. Arezzo al top per somministrazioni

  • "Pettorina finta e Glock in mano, così ho capito che non erano carabinieri". Il vocale che svela i trucchi della banda dell'Audi bianca

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento