Politica Largo Martiri delle Foibe

10 febbraio 2021: Fratelli d’Italia Arezzo ricorda i martiri delle foibe

Nota congiunta del Consigliere Palazzini, responsabile provinciale dipartimento sicurezza e del gruppo consiliare al Comune di Arezzo

Istituito nel febbraio 2004 per iniziativa degli onorevoli Ignazio La Russa e Roberto Menia, il Giorno del Ricordo si celebra ogni anno il 10 febbraio, data in cui nel 1947, furono firmati i trattati di pace di Parigi, che assegnavano alla Jugoslavia l’Istria, il Quarnaro, la città Zara con la sua provincia e la maggior parte della Venezia Giulia, territori in precedenza facenti parte dell'Italia. 

Il monumento, posto in Arezzo nell'omonimo largo Martiri delle Foibe anche grazie all'atto di indirizzo promosso nel 2017 dall’allora consigliera Giovanna Carlettini , oggi assessore dell'amministrazione Ghinelli, è stato realizzato dal Comitato Pietre della Memoria con pietre carsiche donate dal Comune di Trieste. L'opera scultorea ricorda non solo i morti infoibati ma anche tutti gli esuli istriani, giuliani e dalmati che sono stati vittime dell’odio anti-italiano che è emerso sul finire della seconda guerra mondiale e che si è protratto per anni.

 “Su questa pietra depositiamo oggi, come tutti gli anni, fiori – afferma Francesco Palazzini, consigliere di Fratelli d’Italia – per ricordare tutte quelle vittime che sono state cancellate per anni dalla memoria collettiva del popolo italiano. Nel prossimo consiglio comunale cittadino chiederò un minuto di silenzio in memoria di tutti gli infoibati”. 

Concludono all'unisono i consiglieri del gruppo Fratelli d'Italia al Comune di Arezzo:  “Da italiani e patrioti, prima ancora che nel nostro ruolo di consiglieri, abbiamo sentito, sentiamo e sentiremo per sempre la necessità di ricordare questa triste pagine della nostra storia affinché non possa più ripetersi”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

10 febbraio 2021: Fratelli d’Italia Arezzo ricorda i martiri delle foibe

ArezzoNotizie è in caricamento