Tutte le sfumature del cacao, dal cremino più grande del mondo al gelato “Leccami”

Cosa hanno in comune il sole della Repubblica Dominicana, Cosimo de’ Medici e 393,8 chili di cioccolato? Assaggia e lo scoprirai

Cioccolato! Vi è venuta voglia, eh? Già, basta una sola parola di dieci lettere per scatenare desideri e tentazioni in grandi e piccini. E lo sapete, potete provare a porvi un freno finché volete, ma il cioccolato vincerà sempre e ogni volta sarà una gradita sorpresa per il palato. E allora, se proprio non ne potete fare a meno, cercheremo di distrarvi con qualche aneddoto e curiosità che lo riguardano.

Sapevate che il cremino da Guinness dei Primati più grande del mondo pesa ben 393,8 kg? Mai sentito parlare del Boglio, una cioccolata al gelsomino ingentilita all'arancia del granduca Cosimo de' Medici? E della Toscolata, la tavoletta di cacao che fa bene al cuore, perché in grado di ridurre gli effetti di alcuni fattori di rischio responsabili delle malattie cardiovascolari? E che ne pensate del gusto gelato “Leccami”, del pandolce “Godo” o, ancora, delle praline “Morbide sensazioni”? Storia, sensualità, salute e gusto, sono solo alcune delle ben più di cinquanta sfumature e forme che il cioccolato è in grado di assumere.

Insomma, il cioccolato è bello (e soprattutto buono) perché è vario. Ma tutte queste delizie hanno in comune qualcosa di più del semplice ingrediente base, la fava di cacao. Ciò che le accomuna è il sole che batte sulla piantagione Hacienda Vista Alegre in Repubblica Dominicana, che permette a quelle fave di crescere con metodi naturali e genuini, seguendo una tradizione locale lunga oltre 500 anni, costituita da antichi metodi manuali di estrazione e raccolta delle fave di cacao, di fermentazione in foglie di banano ed essiccazione sotto il caldo sole dominicano. La piantagione è gestita sin dal 2002 da Vestri, la cioccolateria più famosa di Arezzo, riconosciuta e premiata anche a livello nazionale e internazionale per la qualità indiscussa del suo prodotto.

E del resto, non potrebbe essere altrimenti perchè, gestendo direttamente la piantagione, Danielo e Stefania, fondatori di Vestri nel lontano 1982, si sono assicurati il pieno controllo della filiera, auto-imponendosi un disciplinare di produzione basato su tre requisiti fondamentali: qualità, eticità e sostenibilità. Sono stati banditi prodotti chimici o di sintesi, così come organismi geneticamente modificati, lungo tutto il processo produttivo. Ed ecco che diventa fondamentale il rispetto della stagionalità e dei cicli biologici naturali all'interno del sistema agricolo, così come la salvaguardia della fertilità del suolo e la difesa delle biodiversità di flora e fauna locali. Ma il protocollo di qualità si traduce anche in garanzia di tracciabilità, ispezioni periodiche in loco e rispetto delle condizioni lavorative della manodopera locale. Questa filosofia ha portato alla creazione, da parte di Vestri, del marchio Cacao natura, a tutela della qualità e della sicurezza del prodotto, che si concretizza nel bollino apposto sui prodotti che Vestri riesce a seguire e controllare in ogni passaggio della filiera.

Da un perito chimico e da una stilista esperta d'arte, quali sono Danielo e Stefania, non potevamo che aspettarci capolavori di gusto particolari e fuori dagli schemi, in grado di conquistare anche il palato del più esigente dei maître chocolatier. La ricetta di Vestri è semplice: una manciata abbondante di passione, un pizzico di creatività, una spolverata di coraggio misto a lungimiranza e chili e chili di formazione e professionalità. Nel laboratorio di 2000 mq in via Romana ad Arezzo, unendo moderni macchinari e strumenti tradizionali, si è riusciti là dove gli antichi alchimisti hanno miseramente fallito per secoli: si è creato l'oro dalla terra. Oro dall'inconfondibile color nero fondente e dall'aroma tentatrice che ha il potere di scatenare emozioni, sensazioni e ricordi indimenticabili.

Il cioccolato di Vestri lo trovate nel negozio di Firenze, nel laboratorio di Arezzo e un pò in giro per tutto il mondo. Insomma, ovunque voi siate, lasciatevi tentare!

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Tragedia della strada a Calbenzano: muore 26enne. Ferito il fratello. Chiusa la Sr71

  • Tragico schianto sulla Sr71, così ha perso la vita Cristian

  • Al via il casting per la fiction con Vanessa Incontrada ad Arezzo: come candidarsi. Ciak da giugno

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2020/2021

  • Una nuova fabbrica in provincia di Arezzo: produrrà stazioni per la ricarica di veicoli elettrici

  • Toscana: di nuovo oltre 1.300 nuovi casi. Zona arancione? Oggi si decide

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento