Confindustria

Reperimento materie prime. Confindustria Toscana sud: “Questione impellente per l’economia nazionale”

Il webinar intitolato "Materie Prime - L'impennata delle quotazioni, impatti e prospettive", sarà tenuto da Elena Falcone e Maurizio Pascucci 

Daniele Gualdani, vice prresidente sezione meccanica Confindustria Toscana Sud

Si terrà domani a partire dalle 15 il webinar organizzato dalla sezione meccanica di Confindustria Toscana Sud, incentrato su una delle più cogenti urgenze del momento per il mondo produttivo: la mancanza delle materie prime.

Il webinar intitolato "Materie Prime - L'impennata delle quotazioni, impatti e prospettive", sarà tenuto da Elena Falcone e Maurizio Pascucci del Centro Studi Economia di Federmeccanica per una panoramica sulle attuali condizioni di mercato che hanno visto crescere gradualmente le quotazioni delle materie prime. È previsto inoltre l'intervento di Gianclaudio Torlizzi fondatore di T-Commodity, la prima società italiana specializzata nella consulenza indipendente sulle materie prime per utilizzo industriale riconosciuto a livello internazionale come tra i migliori esperti italiani sulle commodities che analizzerà le ragioni del rally delle materie prime facendo luce sulle prospettive future di breve medio e lungo termine.

L’aumento dei prezzi internazionali delle commodity, accentuatosi a inizio 2021, complica lo scenario per l’economia italiana – osserva Daniele Gualdani vicepresidente della sezione meccanica di Confindustria Toscana Sud – tali rincari, come certificano le analisi del Centro Studi Confindustria, in diversi casi sono a doppia cifra (il prezzo del rame ad es. è salito del 26% a febbraio 2021 da ottobre 2020) e sono anche molto diffusi: riguardano infatti i metalli, gli alimentari, le materie plastiche e il legno, oltre al petrolio. Diverse le cause che stanno dietro a questa impennata dei prezzi, dalla difficoltà dei trasporti dovuta alla pandemia, alla stretta correlazione col prezzo del petrolio, alla scarsità di produzione nei vari mercati fisici mondiali a seguito del lockdown. La questione dell’approvvigionamento delle materie prime e dei loro costi, è impellente per la tenuta generale dell’economia nazionale, la manifattura sta rappresentando, infatti, l’unico motore attuale in marcia per la ripresa sarà quindi cruciale trovare soluzioni immediate ed efficaci sul reperimento a costi fattibili delle materie prime nessuna esclusa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reperimento materie prime. Confindustria Toscana sud: “Questione impellente per l’economia nazionale”

ArezzoNotizie è in caricamento