Superbonus 110%, Ance Arezzo e Confindustria scrivono ai parlamentari: "Serve proroga di almeno 2 anni"

L’appello ai Parlamentari affinchè nella prossima Manovra di bilancio venga inserita la proroga delle agevolazioni almeno fino al 31 dicembre 2023

Il presidente di Ance Arezzo Igor Michele Magini e il presidente della delegazione di Arezzo di Confindustria Toscana Sud Fabrizio Bernini hanno inviato una lettera ai Parlamentari di riferimento del territorio, per evidenziare la necessità di prorogare i Superbonus 110% previsti dal Decreto Rilancio.

“Il Superbonus 110% è un provvedimento molto valido e riveste un’importanza strategica non solo per rimettere in moto l’economia ma anche per il rinnovamento e la riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente – scrivono a quattro mani Magini e Bernini -  serve però che l’attuale scadenza del 31 dicembre 2021 venga prorogata almeno fino al 31 dicembre 2023. La scadenza attualmente prevista infatti, non tiene conto della necessaria tempistica richiesta dai lavori agevolati, che inizia con l’approvazione degli interventi (immaginiamo la difficoltà di questo primo step in un momento in cui le assemblee condominiali sono sospese), prosegue con la progettazione, l’esecuzione dei lavori, e termina con gli accordi per la cessione dei bonus a soggetti terzi o alla possibilità di concordare lo “sconto in fattura” con l’impresa esecutrice – spiegano i due presidenti - la proroga avrebbe oltretutto un effetto corroborante sia per l’economia che per l’occupazione – continuano Magini e Bernini – secondo uno studio di ANCE, la spesa aggiuntiva annuale legata al Superbonus e diretta al settore costruzioni sarebbe di 6 miliardi di Euro, considerando l’indotto arriverebbe addirittura a generare un effetto totale sull’economia di 21 miliardi, ovvero oltre un punto di Pil ogni anno. Sul fronte dell’occupazione lo stesso studio stima un incremento di circa 64.000 posti di lavoro nel settore costruzioni che raggiungerebbe i 100.000 considerando l’indotto”.

Ecco quindi l’appello ai Parlamentari affinchè nella prossima Manovra di bilancio venga inserita la proroga delle agevolazioni almeno fino al 31 dicembre 2023. E proprio per approfondire il funzionamento e le opportunità dei Superbonus, Confindustria Toscana Sud organizza per venerdì 11 dicembre alle ore 15 un webinar che esaminerà i maxi incentivi Ecobonus (l’agevolazione che permette la detrazione fiscale del 110% delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per interventi di efficienza energetica) e Sismabonus  (riguardante la detrazione delle spese sostenute nello stesso periodo per interventi di riduzione del rischio sismico). I lavori verranno aperti da Elena Bruni (Area Politiche Industriali di Confindustria) che parlerà di “Efficienza energetica: la grande sfida nella transizione energetica”, seguirà l’intervento di Paolo Marraghini (Area Sviluppo e Innovazione di Confindustria Toscana Sud) su “La nuova detrazione del 110% e gli interventi agevolabili” e quelli di Andrea Moratti (Direttore Area Imprese Toscana Sud di Intesa Sanpaolo) e Federico Periccioli (Direttore Area Retail Arezzo di Intesa Sanpaolo) su “L’offerta di Intesa Sanpaolo per il Superbonus 110% ad aziende e privati-condomini”. Seguiranno le case histories di Impresa Edile Stradale Magini srl, Polistamp Infissi srl, Zucchetti Centro Sistemi spa e Ingenium srl. E sempre sul fronte Superbonus, Confindustria Toscana Sud sta creando un elenco di aziende associate disponibili ad eseguire interventi di efficienza energetica e di misure antisismiche sugli edifici che usufruiscono della detrazione del 110%. L'elenco sara' promosso attraverso i canali informativi di Confindustria Toscana Sud e verra' messo a disposizione di quanti (professionisti, privati cittadini, ecc.) si rivolgeranno agli uffici dell'Associazione per avere i riferimenti di imprese fornitrici per l'esecuzione degli interventi.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Meccanica, Carlo Locatelli è la nuova guida per Confindustria Toscana Sud

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento