Acqua: un bene prezioso da preservare

Senza acqua non c’è vita: quanto possiamo sopravvivere senza?

Studi effettuati a tutti i livelli scientifici, economici, sociali e politici, hanno definito in maniera incontrovertibile come l’acqua è il nuovo “oro blu”. Dato il suo grande valore, infatti, si tratta del bene più prezioso per l’essere umano.

Inoltre, nonostante costituisca ben il 70% del nostro pianeta, non è equamente distribuita tra la popolazione mondiale e, spesso, non è neppure ben gestita.

Sprecarla, con reti mal mantenute o con una mancata o scorretta depurazione delle acque di scarico, risulta quindi davvero grave.

È un dovere di tutti consumare l’acqua in maniera responsabile. 

Fortunatamente, esistono sul mercato soluzioni tecnologiche innovative per la salvaguardia dell’ambiente attraverso la sanificazione delle acque di scarico.

L’importanza della corretta depurazione delle acque reflue è sottolineata anche dall’evoluzione positiva delle condizioni igieniche, che ha contribuito ad un grande miglioramento della qualità di vita delle persone.

Pandemie come la peste nel 1400, il colera nel 1500, il tifo, la spagnola che ha imperversato nei primi anni del 1900, ultimo, il Covid-19 nel 2020, stanno a testimoniare come l’umanità ha dovuto affrontare, nel corso dei secoli, situazioni critiche per la propria salute.

Ciò che accomunava le epidemie del passato erano le cattive condizioni igienico-sanitarie delle acque con le quali l’uomo veniva in contatto. Le fogne a cielo aperto e la mancanza totale di trattamenti depurativi erano infatti tra le cause principali della diffusione di malattie mortali.

Ad oggi sono stati fatti, quindi, notevoli passi avanti.

Eppure, la pandemia che ci ha colpito in questi mesi ha sottolineato come il trattamento delle acque reflue sia, ancora, un argomento di fondamentale importanza.

La presenza di agenti patogeni contaminanti e pericolosi nelle acque di scarico, infatti, è ancora un fattore critico e i recenti studi lo confermano.

Basti pensare che, in Italia, ci sono acque superficiali come fiumi e laghi inquinate per circa il 70% con punte in alcune regioni fino al 97%. Questo significa che tra i 40 ed i 55 milioni di persone vengono quotidianamente in contatto con elementi patogeni presenti nelle acque, quindi ognuno di noi vive nelle vicinanze di pericoli per la propria salute.

Appare evidente, quindi, l’importanza di una corretta depurazione.

800x600Acqua entrata uscita-2

Nelle case di ognuno arriva acqua sana e sicura (acqua potabile) che, una volta utilizzata, viene scaricata, producendo uno scarto che contiene un'elevata quantità di contaminanti.

Gli odierni sistemi di depurazione pubblici e privati consentono di scaricare nell’ambiente che ci circonda un’acqua depurata e sanitizzata che non comporta rischi per la salute di persone e ambiente. Qui, però, si manifesta un problema: in Italia sono presenti circa 24 milioni di abitazioni, di cui circa il 30% non è collegato ad un sistema di depurazione (pubblico collettivo o privato indipendente) delle acque di scarico.

I reflui di queste utenze vengono scaricati direttamente in torrenti, fiumi, laghi, mare e terreni. Questo può rappresentare un problema di salute pubblica importante.
È, quindi, fondamentale che le abitazioni domestiche, ma anche ristoranti, attività ricettive e strutture per la trasformazione alimentare abbiano un sistema efficiente di depurazione delle acque di scarico; per far installare impianti efficienti e a norma, bisogna rivolgersi a professionisti capaci di garantire soluzioni efficienti.

Dorabaltea Group, è un’azienda italiana presente a livello internazionale di riferimento nel settore del trattamento delle acque reflue domestiche, assimilate ed agroalimentari e nasce dal desiderio di salvaguardare il bene più prezioso che abbiamo sulla terra, l’acqua. 

L’Azienda è particolarmente attiva nella salvaguardia della salute attraverso il rispetto della natura, ogni azione è orientata alla riduzione dell’impatto ambientale delle attività umane e sulla loro impronta idrica.

Gli ​innovativi impianti di depurazione Dorabaltea hanno un meccanismo ispirato ai cicli della natura, dunque, reso ancora più performante grazie all'impiego di tecnologie di ultima generazione, che risultano completamente eco-compatibili e che offrono garanzie di salute e sicurezza sia in caso di impianti domestici indipendenti che in caso di strutture aziendali.

I materiali con i quali sono costruiti sono totalmente riutilizzati e riutilizzabili così da dare un contributo importante al contenimento dell’inquinamento generato da materie plastiche.

Tutti le soluzioni impiantistiche di Dorabaltea hanno superato tutti i più restrittivi standard di certificazione mondiali e rispettano tutte le leggi vigenti sia nazionali che internazionali.

Grazie all’impiego di tecnologie all’avanguardia, l’acqua di scarico si trasforma da scarto a risorsa, ritornando nell’ambiente perfettamente depurata e sana.

800x600-garden-3664278_1920-2

Tutti giorni Dorabaltea depura milioni di litri cubi d'acqua e permette alla gente di vivere, sempre di più, in un mondo pulito.

Basti pensare che, la stessa acqua “scartata”, una volta depurata può essere riutilizzata per irrigare il proprio giardino, dove poi si può giocare con i bambini e con gli animali domestici, avendo la sicurezza della propria buona salute e di quella della propria famiglia.

In questo modo, ogni persona può vivere serenamente il proprio ambiente, contribuendo a preservare l’acqua e ad offrire un futuro migliore alle generazioni future.

Se si desidera rispettare l’ambiente con il supporto di Dorabaltea, è possibile ricevere maggiori informazioni compilando il form: si verrà ricontattati da un esperto del settore

Oppure è disponibile il numero 0575 20945, cui risponderanno i membri del team.

È anche possibile inviare una mail all’indirizzo info@dorabaltea.com: gli esperti di Dorabaltea.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento