Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pneumatici invernali e all season, che differenza c'è? Guida alla scelta

Meglio un treno di pneumatici all season da tenere tutto l'anno o montare quattro invernali? I fattori che determinano le scelta

 

Dal 15 ottobre si possono montare gli pneumatici invernali. Ad ogni modo l'obbligo scatta dal 15 novembre in gran parte d’Italia. Procediamo quindi ad effettuare il cambio degli pneumatici da quelli estivi a quelli invernali. Con questa disposizione viene ricordato agli automobilisti di adottare gomme in grado di essere più performanti durante la stagione fredda.

Gli pneumatici invernali siano essi gomme termiche contraddistinte dal fiocco di neve stilizzato all'interno del profilo di una montagna oppure allseason, recano comunque entrambi la dicitura M+S, ovvero Mud and Snow (fango e neve). Con questo tipo di pneumatico potete circolare su strada senza incorrere in sanzioni. Un pneumatico indicato soprattutto per chi compie molti chilometri, consapevole che dovrà poi ogni sei mesi smontare e montare i penumatici estivi. Invece se non si fanno troppi chilometri e se si usa l'auto solo per città, possiamo anche non sostituire le nostre gomme estive a condizione di mettere in bauliera delle buone catene da neve.

Il consiglio però è quello di seguire la natura della stagione. Quindi montare sulla nostra auto gomme specifiche per l'inverno. E' infatti bene ricordare che la principale differenza fra un pneumatico estivo e un pneumatico M+S sia esso termico o quattrostagioni, consiste nei tasselli che nelle gomme estive sono pieni a differenza degli pneumatici invernali (i sottili intagli infatti permettono di far presa sulla neve). In più, gli invernali sono dotati di scanalature e intagli sul battistrada che permettono di espellere meglio l’acqua presente sul fondo stradale bagnato limitando il rischio di aquaplaning. Infine, la miscela delle gomme è diversa: gli pneumatici estivi hanno meno gomma naturale, che, presente in percentuali maggiori in quelli invernali, rende i battistrada più elastici. 

Non dimentichiamo poi i costi. Il cambio gomme stagionale implica tre voci di costo: l’acquisto delle gomme, il montaggio e la la custodia degli pneumatici. Il prezzo del montaggio varia da città a città. Infine, per la custodia se non avete un garage o una cantina, potete accordarvi con il gommista di fiducia per il loro rimessaggio: la media si aggira intorno ai 40 euro. 

Ultimo consiglio: rivolgetevi ai professionisti del settore. Le gomme sono fondamentali per la sicurezza stradale quando siete alla guida della vostra auto. Non vi improvvisate. Non dimenticate infatti che gli pneumatici sono soggetti a montaggio ed equilibratura che possono essere correttamente assicurate solo nelle migliori officine.

Buona guida.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento