Il Covid-19 non ferma l'insegnamento della sicurezza stradale ai ragazzi

Aci Arezzo nei primi mesi del 2021 aprirà una sezione del proprio sito istituzionale per insegnare e verificare il livello di conoscenza delle norme e dei comportamenti corretti alla guida e/o sulla strada, con quiz interattivi per bambini e ragazzi

I dati parlano chiaro, purtroppo.

Come dice il presidente dell’Aci Angelo Sticchi Damiani: "Abbiamo potuto constatare che le stragi del sabato sera non sono sempre conseguenti a un eccesso di alcol e droghe" "spesso i giovani neo patentati sopravvalutano le proprie capacità e sottovalutano i rischi”

E’ necessario “insegnare ai giovani a non sentirsi invincibili: la strada ha le sue regole, regole che vanno rispettate per conservare la nostra vita e quella degli altri". Queste dichiarazioni del nostro presidente nazionale, dice Bernardo Mennini, presidente dell’Aci di Arezzo, sono la fotografia di una realtà nella quale bisogna intervenire sempre di più

L’Aci è sempre in prima linea in materia di educazione stradale e in particolar modo nell’insegnamento di quella “cultura” della sicurezza stradale sempre più necessaria per creare una nuova generazione di automobilisti consapevoli .

Tra i gravi danni provocati dal Covid 19 c’è anche l’aver di fatto impedito la possibilità di promuovere corsi di guida sicura e consapevole all’interno delle scuole.

Aci ha nel proprio dna la “mission” di promuovere la sicurezza stradale soprattutto con insegnamenti proposti con progetti interessanti e coinvolgenti per gli alunni  di tutte le scuole di ogni ordine e grado

Vale ricordare che solo nel 2019 l'Aci ha formato 25mila bambini nelle scuole, coinvolgendo i più piccoli e le loro famiglie anche con iniziative speciali come A passo sicuro e TrasportAci Sicuri

Insegnare fino da piccoli come si attraversa una strada, come si da una precedenza o a rispettare un semaforo, farà di loro futuri automobilisti consapevoli dei rischi e quindi rispettosi delle regole

Il Covid 19 blocca le attività in presenza nelle scuole – continua Bernardo Mennini - e quindi Aci Arezzo vuole sopperire a questo momento di difficoltà spostando la sua azione anche sul web, in attesa che lo si possa tornare a fare in presenza.

Aci Arezzo per il 2021 vuole dedicare una propria sezione del sito istituzionale alle attività di sicurezza stradale.

In questa sezione del sito, alunni, docenti potranno trovare e quindi promuovere contenuti Aci molto intuitivi (video ed interattivi) sul tema dei corretti comportamenti alla guida e/o sulla strada,  da condividere in tutte le piattaforme digital ( facebook, instagram, ecc.).

Con i primi mesi del 2021,- conclude Mennini- nella sezione del sito di Aci Arezzo, i ragazzi troveranno, anche, contenuti ed  attività che premieranno la loro capacità di apprendimento  delle regole di sicurezza stradale, mediante la possibilità di effettuare  quiz, prove di abilità e ad altri contenuti interattivi che li metteranno alla prova sul tema.

Con il superamento dei quiz e dei percorsi interattivi, i ragazzi potranno vincere corsi di guida sicura ed altri premi molto interessanti, che valorizzeranno il loro impegno nel percorso di conoscenza delle regole della sicurezza stradale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giù dal ponte, dispiegamento di soccorsi e volo d'urgenza a Siena. Deceduto un giovane

  • Toscana: aperte le prenotazioni per il vaccino per i nati nel 1957 e 1958. Giani: "Over 50 dal 13 maggio"

  • Addio al coreografo Francesco Neri. I funerali in cattedrale

  • Schianto auto-moto, muore il farmacista Giulio Innocenzi. Il ricordo: "Persona meravigliosa, amava la vita"

  • Nuovi contagi stabili in Toscana. I dati delle incidenze provinciali e comunali

  • Auto si ribalta, muore un 36enne. Grave una donna di 33 anni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento