Meteo

Ecco i "Giorni della Merla", tra leggende e statistiche del meteo

Dietro alla locuzione pare esserci una leggenda - molto diffusa nella Valtiberina Toscana e in Romagna.

Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, non è stato redarguito dai nonni con la fatidica frase: "Vestiti bene che sono i giorni della merla!". Ma cosa sono questi giorni della merla? Secondo le tradizioni popolari si tratta dei giorni più freddi dell'anno, che cadono tra il 29 gennaio e il 1 febbraio.

Dietro alla locuzione pare esserci una leggenda - molto diffusa nella Valtiberina Toscana e in Romagna -  secondo la quale una merla bianca, che aveva atteso tutto l'inverno al caldo del suo nido, negli ultimi tre giorni di gennaio scorse un bel sole si alzava nel cielo. Pensò che fosse arrivata la primavera e, invogliata da tanta luce, spicco il volo. In realtà però le temperature erano ancora gelide e la merla, per non rimanere congelata, si riparò in un comignolo fumante. Da allora le sue candide piume divennero nere. 

In realtà in tutta Italia ci sono molte varianti di questa leggenda, quasi tutte partono dalla merla dalle piume bianche. Ce n'è poi una invece che riporta ad un episodio avvenuto a metà del Settecento e viene ricondotta a Sebastiano Pauli che raccontava di un cannone - chiamato la "Merla" appunto - che doveva oltrepassare il fiume Po. Per farlo, viste le dimensioni e il peso del cannone, era necessario aspettare che il fiume fosse completamente ghiacciato: ovvero negli ultimi giorni di gennaio, che presero il nome dal cannone.

Secondo alcuni, inoltre,  i giorni della merla portano con sè una previsione per la primavera: se saranno freddi la stagione successiva sarà calda, se saranno caldi la primavera stenterà ad arrivare e sarà freddo più a lungo.

In realtà spesso la tradizione non trova riscontro nelle statistiche meteorologiche e non sempre questi tre giorni risultano essere i più rigidi nell'inverno. Quessto però cambia poco la tradizione: quindi se uscite, vestitevi bene.

Le previsioni:

MARTEDI: sereno o poco nuvoloso (tranne qualche residuo annuvolamento al mattino su zone orientali) con ventilazione debole da grecale fino al primo pomeriggio. Velature in arrivo in tarda serata. Temperature minime fredde con possibili brinate. Massime in lieve recupero.

MERCOLEDI': poco nuvoloso nelle prime ore del giorno ma con aumento della nuvolosità da ovest. Molto nuvoloso al pomeriggio con precipitazioni a carattere debole / moderato. Neve sui rilievi e in collina. Verso sera la neve potrebbe raggiungere i fondovalle di Casentino e Valtiberina. Temperature minime fredde con valori anche sotto lo zero, massime intorno ai 4 / 5 gradi in città.

GIOVEDI': da poco a parzialmente nuvoloso nella prima parte di giornata. Aumento della nuvolosità nella seconda parte di giornata per l'arrivo del nuovo peggioramento. Aumento termico in quota dal tardo pomeriggio per correnti meridionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco i "Giorni della Merla", tra leggende e statistiche del meteo

ArezzoNotizie è in caricamento