Patent box: cosa è e come funziona

Quello che c'è da sapere su questo regime opzionale di tassazione agevolata per le imprese

Quando parliamo di 'patent box' ci riferiamo ad un regime opzionale di tassazione agevolata per i redditi derivanti dall'utilizzo di software protetti da copyright, di disegni e modelli, nonché di processi, formule e informazioni relativi a esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili. In poche parole di tratta di un regime opzionale di tassazione agevolata per i redditi derivanti dall’utilizzo di brevetti industriali, di marchi d’impresa.

Indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione e dal settore produttivo, tutti i soggetti titolari di reddito d'impresa possono richiedere la parziale detassazione dei proventi derivanti dallo sfruttamento dei citati beni immateriali.

Sono però escluse le società assoggettate alle procedure di fallimento, di liquidazione coatta amministrativa e di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi; in quest’ultimo caso, tuttavia, il beneficio spetta se la procedura è finalizzata alla continuazione dell’esercizio dell’attività economica.
Sono esclusi da questo regime tutti coloro che determinano il reddito con metodologie diverse da quella analitica (regime forfetario, tonnage tax, società agricole che calcolano il reddito su base catastale, ecc.). Tale regime ha l'obiettivo di rendere il mercato italiano più attrattivo per gli investimenti nazionali ed esteri di lungo termine, tutelando allo stesso tempo la base imponibile italiana.

Il funzionamento

L'opzione deve essere esercitata nella dichiarazione dei redditi relativa al primo periodo d'imposta per il quale si intende optare per la stessa. È inoltre valida per cinque periodi di imposta ed è irrevocabile e rinnovabile. Con l'entrata in vigore dell'articolo 4 del decreto legge 30 aprile 2019, n. 34, sono state introdotte misure per la semplificazione delle procedure di fruizione del Patent box con le quali i beneficiari dell'agevolazione possano ora scegliere, in alternativa alla procedura preventiva per un accordo in contradditorio con l'Agenzia delle entrate, di determinare e dichiarare direttamente il reddito agevolabile rimandando il relativo confronto con l'amministrazione finanziaria alla successiva fase di controllo.

Patent box, le agevolazioni

La condizione necessaria per usufruire di questa agevolazione è che i soggetti riportino le informazioni necessarie alla determinazione del reddito agevolabile in una documentazione idonea e diano comunicazione del possesso nella dichiarazione relativa al periodo d'imposta per il quale si beneficia dell'agevolazione. Attraverso l'esercizio di tale regime di tassazione, le imprese che svolgono attività di ricerca e sviluppo possono escludere dalla base imponibile il 50% dei redditi derivanti dall'utilizzo di determinati beni immateriali o dalla cessione degli stessi beni immateriali qualora il 90% del “ricavato” venga reinvestito nella manutenzione o nello sviluppo di altri beni immateriali prima della chiusura del secondo periodo di imposta successivo a quello nel quale si è verificata la vendita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti fra comuni, scuole, circoli ed estetiste. Cosa si può fare nella Toscana arancione

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento