L'imposta comunale sulla pubblicità

Cosa è, e come viene calcolata. Tutte le info sul pagamento

L'Imposta comunale sulla pubblicità e diritto sulle pubbliche affissioni è una tassa che deve essere saldata da chi effettua la sponsorizzazione di un prodotto, oppure di un evento, e consistente in una tariffa a metro quadro esposto.

Prima di avviare la sponsorizzazione deve essere presentata una apposita dichiarazione contenente tutti i dati anagrafici del richiedente e le caratteristiche dei mezzi pubblicitari (durata, tipologia, ubicazione, dimensione e relativa autorizzazione rilasciata dall'Ufficio preposto).

I committenti delle affissioni, e tutti coloro che intendono effettuare pubblicità, di carattere commerciale e non, di durata sia permanente che temporanea (volantini, locandine, striscioni ecc.).

Documenti da presentare e contribuzione

Come riporta il sito del Comune di Arezzo devono essere presentati:

  • l'apposito stampato fornito dall'ufficio da richiedere prima di iniziare la pubblicità;
  • ricevuta del pagamento della tariffa tramite bollettino di c/c postale n. 001039700370 intestato a: "Comune di Arezzo Imposta Comunale sulla pubblicità Serv. Tesoreria" - causale: "Imposta Comunale sulla Pubblicità" e tramite bollettino di c/c postale n. 001039700305 intestato a  Comune di Arezzo Diritto Pubbliche Affissioni Serv. Tesoreria - causale "Diritto sulle pubbliche affissioni".
    (codice IBAN ICP: IT-11-M-07601-14100-001039700370)
    (codice IBAN Pubbliche affissioni: IT-73-B-07601-14100-001039700305)

Le tariffe

Possono essere annuali, mensili, bimestrali e trimestrali e si differenziano per categorie di ubicazione e per dimensione dei mezzi pubblicitari. Sono previste inoltre tariffe specifiche per differenti modalità pubblicitarie.

Per la pubblicità permanente l'imposta non è frazionabile, per la pubblicità temporanea si può pagare per 1 mese, 2 mesi o 3 mesi. Le cessazioni di materiale vanno presentate entro il 31 Gennaio dell'anno in corso. Le insegne di esercizio, con superficie inferiore a 5 metri quadrati, sono esenti da tasse.

L'autorizzazione per gli avvisi VENDESI/AFFITTASI è richiesta solo nel caso vengano posti in luogo diverso dall'oggetto della compravendita e siano di dimensioni superiori ad un quarto di metro quadrato.

A chi rivolgersi

Tutte le informazioni possono essere richieste alla Società concessionaria per la riscossione del tributo che è la Società I.C.A. Imposte Comunali Affini Srl con sede in Arezzo in Via Ristoro d'Arezzo, 76 (n. tel 0575/907821; e-mail ica.arezzo@icatributi.it; pec: ica.arezzo@pec.icatributi.com).

Gli uffici sono aperti al pubblico con il seguente orario:

  • dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 13 e il sabato dalle ore 8:30 alle ore 12;
  • il martedì e il giovedì pomeriggio dalle ore 15:15 alle ore 17:45;

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento