Riscatto della laurea: come e dove richiederlo

Ecco come funziona il riscatto di laurea, perché, in molti casi, è bene muoversi in fretta. I requisiti, costi, modalità e valutazioni di convenienza

Convertire a pagamento gli anni trascorsi all'univeristà in anni utili per la pensione è possibile. Occorre riscattare la laurea. Per farlo è necessario versare una determinata somma che equiparerà a livello contributivo il periodo di studio universitario a quello lavorativo.

Come funziona?

Il lavoratore interessato a presentare la domanda, deve verificare se è in possesso di tutti i requisiti e condizioni che permettono di beneficiare di questa opportunità. Una volta verificato il tutto, il laureato dovrà presentare la domanda per via telematica all’INPS e pagare l’onere per il riscatto. Ricordiamo infatti che il riscatto, non è gratis ma a pagamento. Sarà quindi necessario verificare prima quanto costa riscattare gli anni della laurea, e se è vantaggioso o meno.

Inps: come versare i contributi da lavoratore autonomo

Requisiti da rispettare

La disciplina sul riscatto offre la possibilità di andare in pensione qualche anno prima, per poter accedere occorre che il lavoratore:

  • sia iscritto con almeno un contributo versato a una delle gestioni Inps
  • non deve risultare iscritto, unicamente, a una cassa professionale
  • non abbia già contributi versati per i periodi richiesti (come nelle fattispecie di studenti lavoratori),
  • richieda il riscatto per una gestione risultante già attiva nel periodo del corso legale di studi.

E’ ammesso il riscatto del corso legale di laurea a condizione che l’interessato abbia conseguito il titolo di studio.

Sono esclusi dalla possibilità di riscatto:

  • i periodi di iscrizione fuori corso;
  • chi non si è laureato

Si possono riscattare:

  • il diploma universitario (di durata pari a 2 o 3 anni),
  • la laurea triennale,
  • la laurea quadriennale,
  • la laurea a ciclo unico,
  • il diploma di specializzazione post-laurea,
  • il dottorato di ricerca (nel caso in cui si siano versati i contributi alla gestione separata Inps).

A ciò si aggiunga che:

  • è possibile richiedere il riscatto di periodi parziali, più corti rispetto alla durata legale del corso di studi seguito,
  • ai fini del riscatto, non valgono gli anni fuori corso.

Ulteriore requisito del riscatto agevolato è che il periodo di studi deve collocarsi in periodi da valutare col sistema contributivo, e quindi dal 1° gennaio 1996.

Quanto costa e come si calcola

Per l’anno 2020 il costo del riscatto di un anno di laurea ammonta ad 5.260 euro, pertanto per quattro anni di corso di studi universitari, l’esborso globale ammonta ad euro 21.040 euro, ma tale onere risulta interamente deducibile. Pertanto, ogni annualità di riscatto, colui che intende avvalersene, dovrà corrispondere la somma pari a 5.260 euro, sempreché la richiesta venga presentata nel corso dell’anno 2020.

Come abbiamo anticipato, per riscattare gli anni di studio, si dovrà pagare un importo che è possibile calcolare attraverso un simulatore online messo a disposizione dall’INPS. Attraverso questo simulatore, si potrà fare un calcolo approssimativo dell’onere di riscatto, sulla base dei dati inseriti e con riferimento all’anno corrente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti fra comuni, scuole, circoli ed estetiste. Cosa si può fare nella Toscana arancione

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento