Inps: come versare i contributi da lavoratore autonomo

Quando si inizia una attività lavorativa in proprio devono essere obbligatoriamente versati all’Inps i contributi che servono ad ottenere la pensione al termine della vita professionale

Tutti i lavoratori, anche gli autonomi, devono versare i contributi presso l'ente previdenziale. L'importo dei contributi da versare dipende dal tipo di attività che viene svolta. Devono essere versati all'Inps se si è artigiano, commerciante o professionista senza cassa di previdenza; se il lavoratore autonomo è un professionista iscritto ad un albo o ordine professionale deve versare i contributi alla cassa professionale di appartenenza.

Le attività imprenditoriali si possono raggruppate in tre grandi categorie:

  • artigiani e commercianti;
  • lavoratori autonomi "senza cassa";
  • professionisti con cassa autonoma.

Come avviene il pagamento

Il pagamento dei contributi fissi deve essere effettuato in quattro rate entro:

  • 16 maggio;
  • 20 agosto;
  • 16 novembre;
  • 16 febbraio (dell'anno successivo).

I contributi fissi sono uguali per tutti, ma se il reddito è superiore a 15.548 euro si aggiungono i contributi a percentuale, che devono esssere versati in due sole tranche:

  • 30 giugno;
  • 30 novembre.

Lavoratori autonomi senza cassa previdenziale

I lavoratori autonomi dotati di partita Iva che iniziano un'attività e sono sprovvisti di autonoma cassa previdenziale sono tenuti a iscriversi alla gestione separata Inps, e al pagamento dei relativi contributi.

In questa categoria rientrano i freelance, i consulenti d'impresa, i consulenti informatici, i fisioterapisti, gli amministratori di condominio e tutti i professionisti senza albo. L'aliquota dovuta dagli iscritti alla Gestione Separata Inps è del 25,72% da applicare al reddito lordo effettivo che deriva dalla dichiarazione dei redditi.

Lavoratori autonomi con cassa previdenziale

I professionisti come avvocati, commercialisti, geologi, medici, psicologi, geometri, farmacisti, architetti e giornalisti non versano i contributi Inps. Ciascuna di queste categorie professionali aderisce a una propria cassa di previdenza con regole ben precise e diverse tra loro.

A chi rivolgersi ad Arezzo

La direzione provinciale dell'Inps ad Arezzo si trova in viale Luca Signorelli 20. E' possibile contattare gli uffici chiamando il numero 803 164.

Inps: sedi e indirizzi degli uffici ad Arezzo e provincia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento