Martedì, 22 Giugno 2021
Imprese

"Urgenti misure choc per salvare le Pmi". La richiesta dei Consulenti del lavoro al governo

Le proposte e le richieste dei Consulenti del lavoro

I Consulenti del lavoro hanno chiesto misure shock al governo a sostegno delle piccole e medie imprese. Nel dettaglio chiedono la sospensione dei versamenti di tributi, ritenute, contributi e premi assicurativi sino al 30 giugno 2020.
Ma anche la rateazione dei versamenti sospesi a partire da settembre 2020, relativamente a somme dovute, anche in forma rateale, derivanti da avvisi bonari, accertamento con adesione, mediazione tributaria, conciliazione giudiziale, acquiescenza e definizione agevolata delle sanzioni. Ma anche entrate tributarie e non tributarie, anche degli enti locali, derivanti da cartelle di pagamento o ingiunzioni o avvisi di accertamento esecutivi, nonché relativi alla rottamazione dei ruoli e al saldo e stralcio.

Tra le varie proposte anche l'ammortizzatore Sociale Unico (ASU) con codice unico “Covid-19” da destinare adeguatamente al numero degli aventi diritto, senza creare ingestibili graduatorie con relative esclusioni e semplificazione delle procedure di richiesta dell’ASU con la previsione di una mera informativa sindacale, per dare cosi rapidità all’iter procedurale delle stesse; pagamento mensile diretto da parte dell’INPS delle somme calcolate per ogni lavoratore con bonifico bancario;
per il mese di marzo pagamento di un acconto di 1.000 euro generalizzato per tutti i lavoratori ricompresi in tutte le istanze presentate, con saldo al mese successivo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Urgenti misure choc per salvare le Pmi". La richiesta dei Consulenti del lavoro al governo

ArezzoNotizie è in caricamento