menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Posizione di guida e salute: come salvare la colonna vertebrale al volante

Lungo viaggio in macchina all’orizzonte? Prevenire disturbi e patologie a carico della colonna vertebrale e all’apparato muscolo-scheletrico è possibile. Basta seguire alcune semplici regole

La posizione delle mani sul volante ma soprattutto quella della schiena quando siamo al volante sono fondamentali. Non solo per la sicurezza di chi guida e dei passeggeri, anche in caso di incidenti per prevenire anche conseguenze molto gravi.

Lungo viaggio in macchina all’orizzonte? Prevenire disturbi e patologie a carico della colonna vertebrale e all’apparato muscolo-scheletrico è possibile. Basta seguire alcune semplici regole di comportamento suggerite dall’Inail. 

Quando sei alla guida 

1)    Testa, collo, spalle devono essere il più possibile rilassati e allineati, evitando di assumere posizioni innaturali che tra l’altro aumentano i rischi di lesioni gravi in caso di incidente. Utilizza il supporto lombare del sedile che facilita il mantenimento delle normali curvature della colonna vertebrale 

2)    Lo schienale non deve essere eccessivamente reclinato, è raccomandata un’inclinazione di circa 10 o 20° rispetto alla verticale

3)    Regola attentamente la distanza dal volante: deve consentiti di raggiungere il volante senza piegare in avanti le spalle, che devono restare appoggiate al sedile. Posiziona correttamente le mani sul volante a ore “9 e 15”

4)    Regola con attenzione la distanza tra sedile e pedaliera: le gambe devono essere leggermente piegate con un angolo di circa 100 – 120°, quando i piedi sono in appoggio sulla pedaliera 

5)    Regola l’altezza del sedile in modo che i fianchi siano leggermente al di sopra delle ginocchia. Il sedile non deve comprimere la parte posteriore del ginocchio per evitare ostacolo alla circolazione. 

6)    Regola il poggiatesta in modo che la parte centrale sia alla stessa altezza delle orecchie e tra la testa e il poggiatesta ci sia una distanza di circa due dita. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento