Le lauree e i diplomi più richiesti nel mondo del lavoro: il report 2019-2023

Le lauree e i diplomi più ricercati nel mondo del lavoro: le professioni più richieste dei prossimi anni

Secondo il rapporto Excelsior di Unioncamere sui fabbisogni occupazionali 2019-2023 entro il 2023 l’80% dei nuovi occupati sarà destinato a sostituire chi uscirà dal mondo del lavoro. Un turnover, che lascerà solo il 20% delle nuove leve alla expansion demand, cioè posti di lavoro ex novo. Le previsioni sono state effettuate seguendo i settori maggiormente coinvolti negli attuali trend di sviluppo: globalizzazione, invecchiamento della popolazione, digitalizzazione e automazione, mobilità e logistica, energia.

Colloquio di lavoro: 10 consigli per presentarsi al meglio

Trasformazione digitale ed ecosostenibilità

Digital Trasformation ed Ecosostenibilità, secondo il report, saranno i settori che caratterizzeranno il fabbisogno occupazionale nel quinquennio: tra il 26 e il 29% delle imprese, comprese le amministrazioni pubbliche, avranno bisogno di specialisti in questo settore. Le imprese, secondo le stime, cercheranno tra i 275mila e i 325mila lavoratori con competenze informatiche e digitali come ad esempio sviluppatori di intelligenza artificiale (meccatronica, robotica, automazione, etc.). In quanto a ecosostenibilità, el imprese cercheranno tra i 519mila e i 607mila lavoratori specializzati nell’ottimizzazione o riduzione dell’uso di materie prime. Il tutto, neppure a dirlo, finalizzato al rispetto dell’ambiente. 

Le lauree più richieste

Il rapporto prevede che la domanda di laureati nel mondo del lavoro ammonterà tra le 959mila e le 1.014mila unità,
I titoli più ricercati nel quinquennio saranno 

1) Ambito medico-sanitario (richiesta stimata tra 171mila e 176mila unità). 

2) Economia (richiesta stimata da 152mila a 162mila unità) 

3) Ingegneria, (richiesta stimata tra 127mila e 136mila lavoratori)

4) Giurisprudenza (richiesta stimata tra 98mila a 103mila unità)

I diplomi più richiesti

1) Amministrazione, finanza e marketing (domanda tra 279mila e 302mila unità),

2) Industria e artigianato (domanda tra 211mila e 235mila unità (tra cui spiccano le richieste degli indirizzi meccanica, meccatronica ed energia con 94-106mila unità ed el3) ettronica ed elettrotecnica con 50-56mila unità). 

3) Turismo (richiesta tra tra 79mila e 82mila occupati)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La manifattura 

Nel settore manifatturiero il report prevede buon fabbisogno nella fabbricazione di macchinar, attrezzature  e mezzi di trasporto (89-94mila unità), le industrie metallurgiche e dei prodotti in metallo (57-69mila unità), l’industria alimentare (56-59mila unità) e il comparto tessile, abbigliamento, pelli e calzature (41-52mila unità).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maturità: un successo i risultati degli studenti del liceo "Vittoria Colonna"

  • Scuole comunali aperte a luglio

  • La sede di Arezzo dell'Università di Siena si prepara al nuovo anno accademico

  • Allarme scuola. Un convegno targato Civitas Etruria

  • Stile di vita: l’esperienza del liceo Colonna con il progetto “Dale vida a los años”

  • Leggere ad alta voce al nido ogni giorno sviluppa il linguaggio

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento