Scuole aperte, ma solo per i piccoli. Da oggi zona gialla "rafforzata": ecco cosa si può fare

Mentre i ragazzi delle superiori per altri due giorni seguiranno le lezioni a distanza, i bimbi di asilo, primaria e medie potranno tornare in classe. Riaprono a pranzo i ristoranti e alzano le saracinesche i negozi

Una zona gialla "rafforzata" oggi e domani. Poi, nei giorni di sabato e domenica, scatterà la zona arancione. E dopo? Sarà il report dell'Istituto sanitario di sanità a stabilirlo, sulla base del cambio di parametri come l'indice di contagio Rt. E forse la Toscana da lunedì potrebbe essere di nuovo in zona gialla, anche se i numerosi contagi emersi ieri lasciano alcune perplessità. Nel frattempo però i bambini aretini torneranno tra i banchi di asili, scuole elementarie e medie. Ancora tre giorni di didattica a distanza per i ragazzi delle superiori 

Per il resto, quali misure andranno rispettate? Cosa potremo o non potremo fare? Ecco un decalogo per orientarsi.

La zona gialla "rafforzata"

Come detto, oggi e domani - 7 e 8 gennaio - le misure si allenteranno e saranno possibili spostamenti senza autocertificazione ma soltanto nei confini della Toscana. Vige infatti una sorta di "blocco" delle regioni: questo significa che per oltrepassare il confine sarà necessaria l'autocertificazione. La mascherina, ovviamente, rimane obbligatoria così come il distanziamento. Per quanto riguarda i servizi, bar e ristoranti saranno aperti fino alle 18, poi si potranno solo acquistare cibo e bevande da asporto oppure chiedere la consegna a domicilio. Sono aperti anche i negozi e i centri commerciali. Gli spostamenti saranno liberi fino alle 22, quando entrerà in vigore il coprifuoco, fino alle 5 del mattino.

Ritorno in zona arancione

Il 9 e il 10 gennaio scatterà di nuovo la zona arancione. Gli spostamenti saranno permessi dalle 5 alle 22 ma sarà necessaria l'autocertificazione e sarà vietato uscire dal proprio comune fatta eccezione per i comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti, e spostamenti entro trenta chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia. I bar e ristoranti potranno lavorare sono con asporto o consegne a domicilio, aperti invece i negozi, i parrucchieri e i centri estetici;

Ritorno in zona gialla?

E cosa accadrà dall'11 al 15 gennaio? In teoria dovrebbe tornare la zona gialla "rafforzata".  Il colore verrà deciso domani, venerdì 8 gennaio, in base ai dati del monitoraggio sulla situazione epidemiologica dell'Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute.

I colori delle regioni e i nuovi criteri per le zone arancioni e rosse

Il testo dell'ultimo decreto legge del governo rivede i criteri per l'individuazione degli scenari di rischio sulla base dei quali saranno applicate le misure previste per le zone "arancioni" e "rosse". Nel dettaglio, l'articolo 2 del decreto legge stabilisce che se una regione è nello scenario 2 - dunque con un Rt da 1 a 1,25 - finisce in zona arancione; se è in uno scenario 3 con Rt da 1,25 a 1,50 finisce in zona rossa, ma soltanto se "nel territorio si manifesta un'incidenza dei contagi superiore a 50 casi ogni 100mila abitanti". Questo parametro è stato introdotto per evitare che regioni con una circolazione virale bassa possano invece finire in arancione a causa di singolo episodio di aumento dell'Rt. Il nuovo sistema delle fasce scatterà però da lunedì 11: venerdì 8 gennaio arriverà il monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità e sulla base dei dati aggiornati scatteranno le ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza per l'attribuzione dei colori alle regioni. 

La scuola a singhiozzo

Intanto oggi rientrano in classe i bambini delle scuole dell'infanzia, delle primarie e delle medie. I ragazzi delle superiori - nell'Aretino sono oltre 6mila - dovranno attendere lunedì. 
Per questi ultimi però il rientro in classe in presenza è previsto al 50%: questo vale per le regioni arancioni e gialle, mentre si continuerà con la didattica a distanza in quelle che lunedì prossimo dovessero trovarsi in zona rossa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Test rapidi in nove scuole superiori di Arezzo e provincia: l'elenco

  • Rientro a scuola: 46 nuovi bus per Arezzo e 42mila euro per i controlli anti assembramento alle fermate

  • "Scuole aperte strumento per combattere l'epidemia". Il bilancio del provveditore: "La classe è un luogo sicuro"

  • Scuole Sicure, test antigenici in tutte le Superiori, pubbliche e paritarie

  • Tirocini e praticantati sospesi, nuovo bando in apertura il prossimo 14 gennaio

  • Scuole comunali dell’infanzia: aprono le iscrizioni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento