La Toscana: "Scuola a settembre? Nessun problema per gli spazi. Ma serve personale, il Ministero si muova"

Le parole dell'assessore Greco: "Il 65 per cento delle aule non avrà bisogno di alcun intervento e nel restante 35 per cento, per la maggior parte, basterà spostare qualche armadio o attrezzatura"

C'è molta attesa per il ritorno a scuola di settembre, anche se le incertezze sono molte. Le famiglie sono in fermento, per quanto riguarda la regione Toscana, oggi arrivano alcune spiegazioni. "La situazione è sotto controllo” ha detto infatti l’assessore all’istruzione Cristina Grieco, coordinatrice tra le Regioni nella commissione che di scuola e formazione si occupa. “Ma è importante – aggiunge – che il Ministero metta a disposizione con urgenza e con modalità e numeri certi l’organico necessario, sia quello docente sia quello Ata, in modo che le istituzioni scolastiche possano iniziare a mettere in pratica quelle soluzioni organizzative che hanno già ipotizzato laddove sarà necessario lavorare con gruppi più piccoli di studenti o far fronte in ogni caso ad ingressi scaglionati”.

L'assessore illustra lo stato dei lavori sul territorio. “Qui – rivendica l’assessore – abbiamo istituito i Cantieri Scuola molto prima che fossero emanate le linee guida nazionali per la riapertura e il confronto da subito avuto con l’Ufficio scolastico regionale e con gli enti locali, Comuni e Province, attraverso Anci e Upi, ci ha permesso di avvantaggiarci”. La Regione ha inoltre realizzato una app per misurare gli spazi necessari per garantire il distanziamento tra gli studenti di almeno un metro negli edifici scolastici.

In ogni caso dalla Regione fanno sapere che le scuole di ogni ordine e grado hanno concluso "a tempo di record" le verifiche e già hanno inviato i risultati all’Ufficio scolastico regionale. I dati, riportati dall’assessore, dicono che "il 65 per cento delle aule non avrà bisogno di alcun intervento ma che nel restante 35 per cento per la maggior parte basterà spostare qualche armadio o attrezzatura o cambiare i banchi". In sostanza, dalla Regione dicono che per gli spazi non ci sono problemi, o quasi.

“Solo una minima percentuale delle scuole – si sofferma l’assessore – necessiterà di spazi ulteriori, che in alcuni casi comunque già si trovano all’interno degli edifici scolastici. E dove non ci sono, Anci e Upi sapranno con responsabilità individuare assieme alle scuole una soluzione”. “Senza il personale necessario – conclude Grieco – le scuole non potranno però affrontare il problema e mettere in campo le soluzioni alternative che hanno già individuato. La priorità ora deve essere questa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole aperte, ma solo per i piccoli. Da oggi zona gialla "rafforzata": ecco cosa si può fare

  • Scuola: l'apertura rinviata all'11 gennaio in tutta Italia

  • Test rapidi in nove scuole superiori di Arezzo e provincia: l'elenco

  • Ritorno a scuola, Tiemme potenzierà i servizi scolastici con 103 bus in più. 15 ad Arezzo

  • Scuola, trasporti e Covid, la Toscana pronta a tornare in classe

  • Rientro a scuola: 46 nuovi bus per Arezzo e 42mila euro per i controlli anti assembramento alle fermate

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento