rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Scuola

Gli studenti imprenditori inventano l'appendiabiti riscaldabile e vincono un premio

Ideato da un gruppo di studenti dell'istituto Galilei di Arezzo che si aggiudicano anche 1000 euro di borsa di studio di Coleliwork

Giovani studenti dell'istituto tecnico industriale Galieo Galilei di Arezzo hanno vinto un premio per una loro invenzione. Si tratta di un appendiabiti riscaldabile che ha preso il nome di Heat. Con questa creazione hanno partecipato al concorso organizzato da Artes Lab e sono risultati i vincitori in Toscana aggiudicandosi il premio Eye. Si tratta di Matteo Bigazzi, Matteo Carnevali, Alessandro Cecconi, Niccolò Ghezzi e Thomas Moretti, tutti ragazzi tra i 16 e i 17 anni.

L'innovazione

Heat è un appendiabiti dal design semplice e accattivante, lineare e compatto, dotato di luce e bocchette a getto d’aria calda attivato tramite fotocellule; permettono di scaldare soprabiti, vestiti, cappelli e anche l’ambiente circostante. È a basso consumo energetico e dunque ridotto impatto ambientale.

La sfida

I ragazzi di Arezzo hanno vinto la sfida su altri 8 team di aspiranti imprenditori a suon di idee innovative, concrete ed etiche in un contest di fronte a una giuria di esperti riuniti nella sede della presidenza della Regione Toscana alla presenza del Governatore Eugenio Giani. Ai vincitori anche un premio di mille euro messo in palio dalla società benefit Coleliwork.

HEat vince Trofeo EYE Toscana  (2)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti imprenditori inventano l'appendiabiti riscaldabile e vincono un premio

ArezzoNotizie è in caricamento