Nuovo anno scolastico: gli auguri del sindaco Ghinelli e del provveditore Curtolo

I messaggi di auguri del primo cittadino e del dirigente scolastico provinciale ai più giovani cittadini che oggi sono tornati nei banchi delle scuole

Auguri ai bambini e ai ragazzi che si sono ritorvati oggi di nuovo sui banchi di scuola. Il messaggio arriva dal provveditore di Arezzo Roberto Curtolo e dal primo cittadino Alessandro Ghinelli.

Primo giorno di scuola, auguri a tutti i nostri studenti per un anno scolastico sereno e proficuo, e buon lavoro agli insegnanti e a tutti coloro che, con ruoli e responsabilità diverse, si occuperanno della loro formazione. Un augurio anche ai genitori, impegnati a seguire i propri figli nel loro percorso di educazione e crescita. Buon anno scolastico a tutti-

Parole dedicate quindi agli studenti, ma anche agli insegnenti nel loro ruolo così delicato e così determinante per la crescita dei giovani al fianco delle famiglie. Gli fa eco il dirigente scolastico provinciale Curtolo

Oggi iniziano le lezioni e con esse riprende il consueto rito quotidiano per migliaia di bambine, bambini, ragazze, ragazzi, docenti, personale, genitori, dirigenti delle scuole.
A tutti va il mio augurio, fortemente sentito, e desidero anche manifestare la speranza che la ritualità venga progressivamente sostituita dalla più profonda consapevolezza dell’importanza dell’istruzione, non semplicemente evocata, ma costantemente agita, da tutte le istituzioni, all’interno del loro ruolo, in funzione di voi ragazze e ragazzi.
Il futuro dei nostri territori, della nostra regione, della nazione intera sarà determinato da quanto tutti gli attori sapranno interpretare questa responsabilità traducendola in azioni concrete.
Ai giovani raccomando di cogliere le opportunità e di continuare a credere che il merito, frutto del quotidiano impegno, è e sarà alla lunga premiato, ai docenti va l’invito a riconoscerlo ed a valorizzarlo e spero che le famiglie considerino la scuola quale investimento prioritario riconoscendo la professionalità imprescindibile ed esclusiva di chi quotidianamente vi opera, professionalità che nessun soggetto diverso può pensare di improvvisare o sostituire.
Auguro quindi buona scuola a tutti e tutte, a tutti noi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’istituto Aliotti di Arezzo vola all’estero con il progetto Erasmus+

  • Lauree migliori per trovare lavoro

  • I nuovi istruttori di nuoto si formano in terra d’Arezzo

  • Al campus del Pionta il corso di formazione in lingua araba per la mediazione e la sicurezza

  • Stop alle sigarette, è ancora possibile iscriversi al prossimo corso

  • Didacta 2019, premiate le classi campioni di creatività. Studenti aretini protagonisti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento