"Gioco scaccia Gioco”, al via il progetto nelle scuole

A Montevarchi presso le scuole del Pestello, di Sant'Andrea, del Giglio, e di P.za Cesare Battisti

Da lunedì 2 dicembre nelle scuole delle primarie dei comprensivi nel Valdarno aretino prende il via il progetto “Gioco scaccia Gioco” che attraverso l'insegnamento del gioco degli scacchi ai bambini di 5^ elementare e di 1^ media, cercherà di attuare anche uno strumento di prevenzione sul gioco d'azzardo. 

Promotrici dell'iniziativa l'associazione Conkarma e il coordinamento Libera Valdarno

Il gioco, quello vero, fatto di socializzazione, incontro con gli altri, sfida sulle proprie capacità, contro il non gioco dell'azzardo che produce solitudine e drammi sociali e familiari in tante persone. 

Ricordiamo che il progetto è curato dall'associazione Conkarma, che ha ottenuto un finanziamento da Anci Toscana (grazie al piano di contrasto al gioco d'azzardo finanziato dalla Regione Toscana), in collaborazione con la conferenza zonale per l'istruzione e l'educazione del Valdarno aretino, del coordinamento di Libera del Valdarno Superiore, della società dilettantistica Scacchi di Livorno, del Serd del Valdarno e degli istituti Comprensivi del Valdanro Aretino. 

Complessivamente saranno oltre 60 le classi coinvolte di tutti gli istituti comprensivi che si trovano negli 8 comuni del Valdarno Aretino. 

Dopo la formazione effettuata dall'associazione Scacchistica di Livorno sia agli operatori che agli insegnanti coinvolti, dal 2 dicembre 2019 al 20 gennaio 2020 si svolgerà la prima parte del progetto nelle scuole con 25 classi, coinvolte dove si alterneranno 7 operatori di Conkarma e 2 di Libera Valdarno. 

5 sono gli istituti comprensivi coinvolti, Petrarca, Magiotti, Mochi, Don Milani, Masaccio riferiti a 4 Comuni: Montevarchi, Loro, San Giovanni, Laterina Pergine. 

A Montevarchi presso le scuole del Pestello, di Sant'Andrea, del Giglio, e di P.za Cesare Battisti, poi a Mercatale Valdarno, Levanella, Levane;  sarà coinvolta la scuola di Ponticino nel comune di Laterina – Pergine Valdarno, la scuola di Loro Ciuffenna, e a San Giovanni Valdarno la scuola Masaccio posta in Viale Gramsci.

Lunedì 2 dicembre inizierà anche la consegna da parte di Conkarma del materiale cartaceo della Campagna che sarà allestito negli spazi scolastici frequentati dagli adulti e dai genitori.

Contemporaneamente inizierà il monitoraggio del progetto a cura dell'Agenzia Regionale di Sanità, congiuntamente ad Anci Toscana che lo supervisiona già dalla sua presentazione.

Sono state acquistate anche e scacchiere per la didattica e il gioco grazie al contributo delle Sezioni Soci Coop di Montevarchi e San Giovanni. 

Alla fine dell'anno scolastico verranno regalate a tutte le scuole che hanno aderito al progetto.

Il progetto, sul quale terremo i cittadini, informati, contemporaneamente si sta attuando anche nella città di Livorno e continuerà fino al mese di marzo – aprile con il coinvolgimento di tutte le altre classi.

Alla fine della prima fase si svolgerà in Valdarno una finale del territorio che proclamerà le classi vincenti e altrettanto avverrà anche a Livorno. 

Successivamente le migliori classi dei due territori della regione che si contenderanno, in una finale in programma a Firenze, il titolo regionale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maturità: un successo i risultati degli studenti del liceo "Vittoria Colonna"

  • Lavori nelle scuole per la riapertura. Tanti: "Ci sono alcune criticità, ma le classi non saranno divise"

  • Lo strumento della Regione per il distanziamento nelle scuole

  • Studiare in Toscana è sicuro. Oltre 6,5 milioni di misure Covid per studenti e borsisti

  • Allarme scuola. Un convegno targato Civitas Etruria

  • Leggere ad alta voce al nido ogni giorno sviluppa il linguaggio

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento